antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 10.03.07
Ragazze in guerra, sessant'anni dopo
·

Ragazze in guerra, sessant’anni dopo
di Massimo Raffaeli

su Il Manifesto del 08/03/2007

Si presenta oggi a Ancona, in occasione dell’8 marzo, «Per dignità e per amore», un documentario sulle staffette partigiane nelle Marche

La prima notizia, una buona notizia, è che all’Anpi di Ancona, assecondando peraltro una tendenza che è oggi di tutte le Marche, sono iscritti ben sessanta giovani fra i sedici e i venticinque anni, soprattutto ragazze; la seconda notizia è che in occasione dell’8 marzo (Ancona, Salone Anpi, via Palestro, ore 17) questa leva di ritorno declinata al femminile festeggia oggi le amiche partigiane della «Brigata Garibaldi» proiettando il documentario, in dvd, Per dignità e per amore. Tre donne anconetane si raccontano, prodotto con la collaborazione di alcuni militanti di base e le riprese di Antonio Sorrentino: mezz’ora di straordinaria presenza umana (duplicata da un montaggio fluido, esatto, mai invasivo) alla cui naturalezza non può fare da riscontro se non l’emozione e una esplicita ammirazione.
«Chi mi avrà dato il coraggio?», dice sorridendo ma senza cancellare lo sgomento di allora una delle tre testimoni, che sono appunto Iolanda Mazzanti Cinti, Zefira Espinosa Orlandini e Anna Maria Petrolati Cinti. Avevano allora più o meno l’età delle nuove iscritte all’Anpi (le Marche furono liberate nell’estate del ‘44) e, come staffette partigiane, portavano ogni giorno ai loro compagni, ovviamente a rischio della vita, messaggi, documenti e armi: Zefira ricorda, ad esempio, un viaggio a piedi da Osimo a Cingoli (sono in realtà alcune decine di chilometri, valicando l’Appennino, tra le province di Ancona e Macerata), una passeggiata che a noi sembra leggendaria ma per lei, evidentemente, era solo «normale»; Zefira è la più diretta e passionale, cita Roma città aperta e Anna Magnani (di cui rammenta la schiettezza e l’impeto), si esprime per frasi pungenti e per veri e propri aforismi come quello, riferito ai tedeschi, secondo cui «ti portavano via tutto e ti andava bene se non portavano via anche te». Il ricordo di Iolanda è invece più lineare e introverso: vi si affollano il dopoguerra, gli stenti quotidiani, le sofferenze dei reduci, la solidarietà espressa dalle persone semplici ma anche la sorda ostilità degli ambienti clericali e di tanta borghesia all’esterno silenziosa ma in cuor suo neofascista.
Infine la coscienza politica di Anna Maria (con parole usuali, con una gentilezza che si direbbe sfidi dolcemente la calamità dei tempi) traduce il messaggio essenziale della Resistenza senza il bisogno di ricordarne le parole d’ordine, che infatti risultano implicite: una libertà che non escluda né invalidi alcuno, che sia cioè sostanziale, e una giustizia che sia sinonimo, anche e soprattutto, di eguaglianza sociale. Senza un filo di retorica, senza un’ombra di nostalgia ovvero di commemorazione, tutto questo testimonia al presente Per dignità e per amore.
Molti anni fa, in uno splendido e purtroppo introvabile libro titolato Compagne. Testimonianze di partecipazione politica femminile (Einaudi 1977) Bianca Guidetti Serra così diceva delle donne che avevano fatto la Resistenza: «Il significato della loro vita credo sia proprio questo: l’affermazione e la dimostrazione del valore e della portata della partecipazione dal basso, che si qualifica e si caratterizza per la fedeltà al proprio patrimonio ideale e al contempo per l’attenzione ai problemi immediati e concreti, per il rispetto delle grandi ma anche delle piccole cose, per la tenacia di anni di lavoro, di sacrificio spesso solo apparentemente modesto, giorno dopo giorno». Lo stesso dovremmo dire, con grande riconoscenza, delle nostre compagne Anna Maria, Iolanda e Zefira.

materiali storici


articolo precedente           articolo successivo