antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.02.07
Corteo anti-Haider - In nove a giudizio - Accadde sei anni fa
·

il manifesto
13 Febbraio 2007

Corteo anti-Haider – In nove a giudizio – Accadde sei anni fa
Un rinvio a giudizio decisamente inaspettato, sia per il tempo trascorso (più di sei anni fa) sia per l’entità del fatto: ieri il tribunale di Roma ha mandato a processo nove «no global» della capitale per la contestazione contro l’ex presidente austriaco Jorge Haider. Tra gli imputati, l’ex consigliere comunale Nunzio D’Erme. I reati contestati sono radunata sediziosa, resistenza aggravata a pubblico ufficiale, attentato ad impianti di pubblica utilità (cioè l’incendio di alcuni cassonetti). Quel giorno, il 16 dicembre del 2000, venne organizzata una manifestazione a Roma contro la
visita tra papa Giovanni Paolo II e Haider. La regione austriaca Carinzia, di cui Haider era stato governatore, aveva regalato quell’anno il tradizionale albero natalizio al Vaticano, che fu acceso e illuminato, nonostante le note posizioni di estrema destra e revisioniste dell’ex presidente. Ci furono scontri violenti, con feriti sia da parte delle forze dell’ordine che dei manifestanti.

Il legale: «fu piccolo G8»
«Quel giorno a Roma, davanti a Castel Sant’Angelo avvenne un piccolo G8. La Procura l’avrebbe dovuto valutare dopo tanto tempo», ha detto l’avvocato difensore, Marco Lucentini, secondo il quale «questa vicenda cadrà in prescrizione, un processo dopo tanto tempo è inutile».
Lucentini ha anche spiegato che la posizione di Guido Lutrario – altro storico esponente del movimento romano, che in un primo tempo sembrava far parte del gruppo degli imputati – «è già stata definita tanto tempo fa». In particolare «è stata oggetto di un precedente procedimento avviato dopo la segnalazione dei carabinieri, che addirittura avevano sollecitato l’arresto per molti giovani dei centri sociali». Inizialmente all’attenzione della Procura e del pm Giancarlo Capaldo furono quasi trenta le singole posizioni
poi poste al vaglio dei giudici. «La posizione di Lutrario è stata già
archiviata – ha detto Lucentini – e lo stesso sarà per gli altri».

Solidarietà della provincia Il vicepresidente del consiglio provinciale Nando Simeone (Prc) ha espresso in una nota solidarietà con le persone rinviate a giudizio per gli scontri del 2000 a Roma dal gup Luisanna Figliolia: «E’ un accanimento politico ingiustificato», dichiara Simeone «Quanto accaduto quel giorno è stata la conseguenza della presenza di un esponente della destra neonazista austriaca che ha smosso la sensibilità e lapreoccupazione di migliaia di persone, che hanno scelto di partecipare al presidio. Continuo a ritenere che la presenza di Haider a Roma fu un episodio molto triste ed inopportuno, per i valori e le idee, chiaramente xenofobe ed antisemite, che caratterizzano il suo pensiero».

VIDEO DA NGV

repressione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo