antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 31.01.07
Bologna: Infiltrati tra i carabinieri davano l'assalto ai cortei
·

Volontari pattugliavano la città
In casa manganelli e manette
Blitz della digos in casa di alcuni membri di associazioni cittadine che aiutano a mantenere l’ordine pubblico. Nelle abitazioni trovate attrezzature da ‘picchiatori’

Bologna, 30 gennaio 2007 – Pattugliavano la città per aiutare a mantenere l’ordine pubblico, controllavano che i cancelli dell’università fossero chiusi, che non ci fosse brutta gente in giro. Ma dalle loro case sono usciti manganelli, manette, nocchiere e altre attrezzature da “picchiatori” che utilizzavano durante i loro servizi di “ronda”. Trovati anche scanner comunemente utilizzati per intercettare le radio della polizia e perfino fotografie di un corso di guerra fatto in Estonia.
Protagonisti sono alcuni volontari di varie associazioni, attivi a sostegno delle forze dell’ordine, con compiti di controllo del territorio: uomini di 45 anni circa, per lo più padri di famiglia. Tra di loro anche un imprenditore.
Le loro case sono state ispezionate nell’ambito di una indagine partita tempo fa. Nei loro confronti, infatti, la Procura ha avviato un’indagine e ora, dopo le prime cinque perquisizioni del maggio scorso, oggi altri sei volontari hanno ricevuto la visita degli agenti. Le associazioni sono regolarmente iscritte all’albo della Protezione civile e sovvenzionate da diversi enti ed istituzioni a Bologna tra cui il Comune di Bologna.
I volontari della sicurezza sono finiti nel mirino della Procura dopo le denunce a carico di alcuni No global per episodi di resistenza. In realtà, si è poi scoperto, con foto e filmati che lo dimostrano, che i No global non si opponevano ad agenti delle forze dell’ordine, bensì a questi “pattuglianti” da cui erano stati aggrediti. I casi risalgono al 2 giugno 2004 e poi al maggio di due anni fa, in occasione di altrettante manifestazioni di No global.

Nelle case perquisite non sono state, però, almeno per il momento, ritrovate bandiere né simboli politici che facciano ipotizzare un legame tra le associazioni di pattuglianti e formazioni di estrema destra.
Tuttavia, stando ad alcune indiscrezioni, uno dei volontari coinvolti nell’inchiesta tanti anni fa era stato condannato per ricostituzione del partito fascista.

L’indagine, in mano alla Digos, si sta concentrando sulla ricostruzione della storia di queste associazioni, i cui servizi volontari erano finanziati per mezzo di convenzioni tanto dal Comune di Bologna (che però ha interrotto i rapporti nel dicembre 2005, proponendo di continuare la collaborazione ma a titolo gratuito) che da quello di San Lazzaro, così come dall’Università di Bologna e dall’Ausl. In contatto con le istituzioni e con le forze dell’ordine, i volontari di queste associazioni svolgevano servizi di sorveglianza cittadina, stilando poi dettagliate relazioni.
Ad indagare, da tempo, è il procuratore Marina Plazzi, perché ci sono foto e filmati che inchiodano coloro che aggredirono e picchiarono i no global bolognesi. In occasione della manifestazione contro la guerra del 2 giugno 2004 in piazza Nettuno, si erano mescolati a carabinieri e polizia, in borghese ma calzando guanti neri. Per i no global coinvolti nella manifestazione, che avevano ricevuto una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, dalla Procura fanno sapere che è già stata chiesta l’archiviazione ma ancora non è stata disposta.

resto del carlino:

repressione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo