antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.01.07
replica a "chi fabbrica i nazisti"
·

L’articolo da voi pubblicato chi fabbrica i nazisti il 22.01.2007, tra l’altro all’interno di una politica pubblicistica molto ecclettica che vi fa onore, è a mio avviso fuorviante e ha bisogno di un commento ulteriore da parte vostra, nostra o di qualcuno.
Ci sono 3 o quattro punti fondamentali da criticare.
1) la legge mancino ha una doppia valenza: nel contesto in cui viviamo(la democrazia borghese) lo stato e i suoi apparati hanno bisogno di uno strumento per difendersi dall’anti-democrazia (ovvero il fascismo). Si tratta di un problema sovrastrutturale di organizzazione del capitale, ma che esiste. Gli effetti controproducenti della legge, non cancellano il fatto che uno stato moderno ha il dovere rispetto ai cittadini di prendere atto e consegnare misure giuridiche su di un tema tanto grave. La critica è sulla sua attuazione non sulla sua essenza. Inoltre la legge mancino offre un importante spunto: ritornare e ricordare a tutti che ANTIFASCISMO E DEMOCRAZIA SONO SINONIMI. Invece ’è questa sciocca tendenza, sinistroide, non di sinistra, a nn considerare le forze in campo, a non preoccuparsi della realtà ma a guardare il mondo come se noi uomini e donne di sinistra ne fossimo il centro. Purtroppo non è così. L’antifascismo è una nostra pratica e teoria quotidiana, è una necessità e uno strumento di aggregazione proletaria di massa, ma dobbiamo renderci conto che le nostre forze in campo non sono di massa. Lo sono teoricamente e sulla carta non nel concreto. Altrimenti a milano l’11 marzo ci sarebbero stati i 15000 o quanti erano della marcia antiproibizionista (non a caso il morto è stato poi proprio in quella massa, e non tra gli “avanguardisti ” di milano).
secondo punto: la confusione ideologica e la poca preparazione dei nazi-fasci è una costante, come le loro svariate evoluzioni e contorsioni mentali, è inutile stare lì a stupirsi basta l’esempio di hitler bassetto e moro, che ha sterminato al grido di tutti alti e biondi dagli occhi chiari. Non sanno di cosa parlano.
I simboli sui quali si masturbano quei quattro deficenti rapati, simboli di violenza e non solo, e la loro appropiazione di temi “nostri”(dallo scippo del povero ezra pound, al mutuo sociale al diritto alla casa etc) fanno parte sempre della vulgata del socialismo-nazionale e sono i punti da smascherare in sedi appropriate. Cercare e pretendere coerenza da parte di questi individui è ingenuo e inutile (nella teoria e nella prassi) così come sovradimensionare il fenomeno. Sono e restano 4 gatti , pericolosi e in via di essere 5 ma niente di più. Le istituzioni hanno il dovere di fare antifascismo il che non signica che sostituiscano il nostro antifascismo, l’antifascismo rivoluzionario. Sopratutto perchè ha funzionato bene l’anticomunismo istituzionale degli ultimi anni, vero padre ideologico del trionfo e della rinascita della nuova destra. Se i commenti scandalizzati che tanto vengono stigmatizzati fomenteranno qualche sciocco per andare contro, ancora di più lo faranno le proposte televisive anticomuniste sulle foibe e anti-antifasciste, e mettere sullo stesso piano i carnefici e le vittime(come nel caso repubblichini e partigiani) daltra parte per esempio molte comunità ebraiche orami hanno tanto più a cuore le sorti dello stato di israele che farebbero alleanze col diavolo pur di avere appoggio su questo tema, e trovano nella destra istituzionale e non ampio appoggio perchè si possano ripulire (vedi fini a gerulasemme, ma anche la mussolini che deprec il rogo di bandiere israeliane). Il problema è l’abbandono dell’antifascismo come sentimento di massa e, l’equiparazione(qui sì l’articolo ci prende) harendtiana dei “totalitarismi”.

suptroncos@libero.it

lettere
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo