antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 12.01.07
Piacenza: condannato segretario del Prc per la manifestazione non autorizzata contro il sit-in di Forza Nuova
·

Da Libertà

25 aprile 2006 Carcere e multa per la manifestazione non autorizzata contro il sit-in di Forza Nuova

Corteo illegale, “paga” Montanari

Il leader di Rifondazione condannato a 5 giorni di cella

La condanna minima, ma comunque una condanna: cinque giorni di prigione e 275 euro di multa per manifestazione e corteo non autorizzati. È stata inflitta a Roberto Montanari, oggi segretario provinciale di Rifondazione Comunista, ma segretario cittadino all’epoca dei fatti. Che risalgono al 25 aprile dell’anno scorso, la giornata della Liberazione, quando una manifestazione di Forza Nuova e i vandalismi di matrice neofascista della notte precedente, provocarono un’immediata reazione nell’area politica di sinistra più legata alla Resistenza. Al mattino, al raduno per il corteo dell’Associazione partigiani, prese forma l’idea di una contro-manifestazione da organizzare in fretta e furia per il pomeriggio, quando Forza Nuova, in piazza Duomo, avrebbe commemorato un cecchino della Repubblica sociale ucciso dai partigiani il 25 aprile ‘45.

«Impedire il sit-in dei fascisti», questa la parola d’ordine che passava di voce in voce e che aveva trovato in Rifondazione uno dei punti di riferimento organizzativi. Il partito, nelle ore precedenti, aveva visto imbrattati da croci celtiche e svastiche la sua sezione di Fiorenzuola (dove anche il monumento ai partigiani venne preso di mira), mentre a Piacenza, nella sede provinciale, venivano contestualmente distrutti mobili e materiali di propaganda.
Il Prc partecipa così all’organizzazione del presidio antifascista e nel frattempo si attiva per chiedere a prefetto e questore di vietare l’altra manifestazione. Tentativo vano dal momento che secondo le autorità preposte quell’iniziativa era più che legittimata non ravvisandosi problemi di ordine pubblico nonostante le azioni vandaliche della notte.
Arriva l’ora della manifestazione di Forza Nuova, ma le opposte fazioni non vengono a contatto anche perché il corteo capeggiato da Rifondazione e dai Giovani Comunisti muove verso il dolmen all’inizio del Corso allontanandosi così da piazza Duomo. Striscioni e slogan con nel mirino, tra gli altri, il questore Piero Innocenti, recentemente sostituito.
A fine giornata il bilancio è di una ventina di denunce tra cui l’assessore provinciale del Prc Fernando Tribi. Ma in primis Montanari considerato organizzatore della manifestazione, e per questo motivo, alla fine, l’unico condannato. Colpa della mancata autorizzazione del corteo secondo i tempi e le procedure richieste dalla legge, requisiti che il precipitare degli eventi non rendeva possibile rispettare nella circostanza. Rifondazione spiegò di avere cercato di muoversi in assoluta collaborazione con gli uomini della Digos e della polizia che svolgevano servizio di ordine pubblico, ma non è bastato a evitare a Montanari il decreto di condanna emesso in questi giorni dal gup Pio Massa. Non c’è stato alcun processo perché la procedura prevede che sia il giudice monocratico a emettere la sentenza fissando la scadenza dei termini per un ricorso che risulta essere già stato depositato dal segretario di Rifondazione.
Il quale dirà la sua, insieme allo stato maggiore del partito, in una conferenza stampa annunciata per domani. In prigione Montanari non ci andrà visto che intanto è intervenuto l’indulto, né pagherà la multa. È tuttavia immaginabile che covi forte malumore per un verdetto che nel Prc viene spontaneo leggere come una «paradossale condanna al carcere per avere pacificamente manifestato in piazza il 25 aprile». Bastino, per ora, le dichiarazioni rilasciate da Montanari a Liberazione, il quotidiano di Rifondazione: «Chiederemo al tessuto democratico della città che non siano più autorizzate manifestazioni il 25 aprile promosse da organizzazioni che si richiamano esplicitamente al fascismo, quello deve essere il giorno degli antifascisti e dei partigiani».

Gustavo Roccella


Ricorso dopo la condanna del leader
Corteo illegale, il Prc difende Montanari
Il caso approda in Parlamento

Ieri conferenza stampa di Rifondazione dopo il verdetto sul presidio non autorizzato del 25 aprile 2006 contro Forza Nuova

(pin) Rifondazione Comunista presenterà ricorso contro la condanna del segretario provinciale, Roberto Montanari, per il corteo non autorizzato del 25 aprile scorso contro la manifestazione organizzata da Forza Nuova (v. Libertà di giovedì). La notizia è stata confermata ieri, durante la conferenza stampa indetta dallo stesso Montanari, dal segretario regionale Nando Mainardi, alla presenza dei due consiglieri provinciali, Stefano Rattotti e Raimondo Magnani. Non è questa l’unica iniziativa messa in campo da Rifondazione (Prc): a livello parlamentare verrà presentata un’interpellanza per chiarire quanto accadde a Piacenza il 25 aprile del 2006 e nelle giornate immediatamente precedenti, che videro, come ha ricordato Mainardi, bersagliate le sedi del partito con atti di vandalismo. «Proporremo una lettera pubblica, rivolta ad istituzioni e cittadini, affinché il 25 aprile 2007 sia dedicato all’antifascismo – ha affermato il segretario regionale -. Tutte le sedi del partito saranno infine tenute aperte e presidiate nelle giornate del 24 e del 25 aprile».
Il segretario Montanari, condannato a cinque giorni di carcere e al pagamento di una multa di 275 euro (provvedimenti che comunque non saranno applicati in virtù dell’indulto), ha ripercorso quanto accadde durante l’anniversario della Liberazione lo scorso anno, che coincideva con il Sessantesimo della Costituzione. «Esistevano almeno due motivazioni per non autorizzare la manifestazione organizzata da Forza Nuova – dice Montanari, accompagnato ieri dal padre, partigiano combattente durante la Resistenza nella città di origine, Modena -: la Costituzione che vieta la propaganda fascista e i motivi di ordine pubblico, visti gli atti di vandalismo commessi nei giorni precedenti ai danni delle nostre sedi». In quell’occasione, la manifestazione di Forza Nuova fu preceduta la notte prima da danneggiamenti di matrice neofascista con le sedi di Rifondazione a Piacenza e a Fiorenzuola prese di mira.

repressione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo