antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.01.07
Taranto: bomba alla sezione del Pdci
·

Da Il Meridiano

Bomba alla sezione: «Un vero attentato»

Taranto – «Altro che ragazzata: questo è un vero e proprio attentato». I segretari provinciali, cittadino e regionale del Pdci ionico sono ancora sconvolti per l’esplosione di un “botto” nella sede del partito, in via De Cesare a Taranto, la notte di Capodanno. «Per fortuna non c’era nessuno, altrimenti ci sarebbero state conseguenze peggiori – ha detto il segretario provinciale, Tommaso Colaninno – e sbagliano quanti ritengono sia solo un atto vandalico. Non è la prima volta che questa sede subisce angherie dei fascisti». Quattro attentati in sette mesi cominciando dalle insegne, passando per le scritte sui muri e finendo con una bomba davanti al portone. Svastiche e adesivi di Forza nuova a testimoniare la matrice dei gesti. «Non mi sembra casuale allora – ha rimarcato il segretario cittadino, Vito Basile – e il fatto che il questore uscente, Eugenio Introcaso abbia sottovalutato la faccenda definendola una “ragazzata” è sintomatico del suo schieramento politico e del fatto che potrebbe essere il candidato sindaco del centrodestra». Parole dure quelle di Basile che ha anche annunciato un corteo, il prossimo 13 gennaio, contro i fascisti e la violenza: «Partiremo da questa sede, sfilando sotto la Questura fino ad arrivare in centro. Non importa quanti saremo: anche 301 è un numero sufficiente, considerando che contro il dissesto hanno sfilato in 300. È facile lottare dietro le quinte, lanciare bombe e non farsi riconoscere. Invito questi signori a passare alla fase due, a farsi avanti confrontandosi sul piano delle idee, da un punto di vista strettamente politico». Indignazione poi per le mancate espressioni di solidarietà del commissario straordinario Blonda e del presidente della provincia Gianni Florido: «E’ una vergogna che non mi abbiano chiamato, come hanno fatto tanti. Qualcosa vorrà dire».

«Anche nella ipotesi che questo vile gesto sia una “balordata” – ha commentato Coloaninno – è comunque evidente come non sia casuale che a essere colpita è una forza politica democratica oggi in prima fila a Taranto nella battaglia per il rinnovamento e per la rinascita di cui la città ha bisogno. Per questo si fa appello a tutti i cittadini e a tutte le forze politiche e democratiche affinché sia forte lo sdegno e alta la vigilanza verso questi gesti di viltà, espressione della volontà di oscure forze di impedire con ogni mezzo che Taranto emerga dal baratro in cui è stata precipitata. Anche le Forze dell’Ordine hanno un ruolo importante al quale possono assolvere individuando celermente i responsabili; ad esse va il nostro ringraziamento anticipato».

Stefania Menditto

04.01.2007 ore 08:55:00.

Introcaso ieri in visita al Comando dei carabinieri

Il questore di Taranto risponde alle accuse

Taranto – «Apprendiamo che nel corso di una conferenza stampa tenutasi dai Comunisti Italiani nella sede di via De Cesare, sono state rivolte accuse al questore di Taranto per aver rilasciato dichiarazioni che minimizzavano l’episodio verificatosi la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, quando ignoti avevano fatto esplodere un manufatto artigianale dinanzi alla sede del partito». Pronta la risposta della questura di Taranto, in merito alle dichiarazioni dei vertici del partito di Diliberto. «Il questore tiene a precisare che non è stato assolutamente sottovalutato l’episodio – continua la nota -, tanto è vero che gli uomini della Digos si sono attivati sin dal primo momento per identificare sia gli autori del fatto che il movente. Tutte le altre affermazioni appartengono a chi le ha rilasciate e il questore in proposito non intende formulare nessun commento», conclude il comunicato. Una polemica che si sviluppa nel giorno in cui il questore, Eugenio Introcaso, ha fatto visita al Comandante Provinciale dei carabinieri, colonnello Federico Scassa, e al presidente dell’amministrazione provinciale, Gianni Florido, per un saluto di commiato in vista del suo trasferimento. Nel corso degli incontri il questore ha ringraziato le autorità per lo spirito di collaborazione dimostratogli in questi tre anni di attività e ha sottolineato «la perfetta sinergia di intenti con la quale sono state affrontate le varie problematiche presenti sul territorio ionico auspicando che la stessa collaborazione possa proseguire con l’insediamento del nuovo questore per il raggiungimento di risultati sempre più positivi ha sul piano della prevenzione e della sicurezza dei cittadini». I rappresentanti dell’Arma hanno ringraziato il questore per la sua opera, improntata a grande umanità e pragmatismo, formulando gli auguri di ogni ulteriore successo.

azioni_fasciste
r_puglia


articolo precedente           articolo successivo