antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.12.06
Discriminazione sessuale: mettiamola al bando. Intervista a Titti De Simone.
·

Da AprileOnLine

Discriminazione sessuale: mettiamola al bando

Marzia Bonacci, 14 dicembre 2006

Interviste

Abbiamo parlato con Titti De Simone della necessità di una norma che ponga fine alla xenofobia e alla violenza verso coloro che compiono scelte sessuali da molti considerate ancora come devianze. Proprio lei infatti, insieme ad altri colleghi, ne ha presentato i principali fondamenti con una conferenza stampa a Montecitorio

La sua colpa è quella di essere lesbica. Una colpa grave, almeno per coloro che le hanno inciso sul cofano della sua auto la scritta “e ora muori”, firmandola con la sigla F.N (Forza nuova). Altrettanto grave per coloro che invece qualche giorno fa le sono entrati in casa, devastandola e sporcandola con escrementi e liquido seminale. Da due anni Doriana, bresciana, non conduce più una vita normale, privata perfino del saluto dei suoi vicini di casa, del sostegno dei colleghi sul posto di lavoro, dell’appoggio delle istituzioni incapaci di assicurarle l’assistenza necessaria che merita.

Di situazioni come quella di Doriana, denuncia il gruppo di Rifondazione comunista alla Camera, ce ne sono molte. Troppe. Per questo appare necessario che il governo acceleri l’ approvazione delle nuove norme contro la discriminazione sull’orientamento sessuale e per l’estensione degli effetti della legge Mancino ai reati di omofobia. Una proposta che è stata pubblicizzata in una conferenza stampa organizzata oggi pomeriggio a Montecitorio, dove hanno partecipato Luca Trentini dell’Arcigay, i deputati del Prc Titti De Simone e Wladimir Luxuria, e il diessino (e presidente onorario di Arcigay) Franco Grillini.

Proprio con Titti De Simone abbiamo parlato del fenomeno dell’omofobia e della transfobia, della necessita di contrastarlo con azioni politico-legislative ma anche con una seria campagna culturale. E dell’offensiva teodem proveniente da sinistra, che rischia di inficiare la nobile battaglia per i diritti civili e le libertà sull’altare del progetto partitico che ora anima Ds e Margherita.

Questa estate una serie di aggressioni e intimidazioni ai danni di omosessuali, in un caso addirittura degenarati in stupro verso una donna toscana lesbica, hanno drammaticamente riportato all’attenzione pubblica e politica il tema della discriminazioni sessuale. Esiste un’emergenza sociale in questo senso secondo te o sono solo sporadici episodi figli dell’ignoranza?

Sicuramente c’è sempre stato un fenomeno sociale avvolto dal silenzio e dall’invisibilità, forse anche dalla vergogna, per cui nel passato violenze fisiche e psicologiche verso omossesuali e transessuali non emergevano alle cronache e quindi di fatto non si sono imposti alla nostra attenzione. Il lavoro dei movimenti in questi ultimi 15 anni, la battaglia del parlamento sugli strumenti legislativi, l’attività del sindacato hanno fatto emrgere uno spaccato drammatico della violenza e dell’odio che c’è verso le persone omosessuali e transessuali. Un sentimento dettato chiaramente dall’ignoranza e dal pregiudizio omo e transfobico che è ancora presente in alcuni spezzoni della società.
Negli ultimi anni poi si è assistito ad una recrudescenza del fenomeno, alimentata anche da un clima politico che non ha aiutato a superare questo genere di subcultura: l’Italia è l’unico paese europeo dove non esistono leggi che riconoscano le persone omosessuali, che contrastino le discriminazioni che subiscono, che ricoscano loro diritti. A questo si aggiunge il fatto che nel nostro paese è attiva una destra violentemente omofobica e un’estrema destra xenofoba e nazista (Forza Nuova, è un nome per tutti) che hanno fatto di questo attocco alle persone omosessuali e transessuali un elemento di bandiera della propria iniziativa. Tutto questo ha riacceso una certa aggressività nei confronti delle persone omosessuali e transessuali. Del resto, più è forte la loro visibilità e la loro posizione, più è violenta la reazione xenofoba nei loro confronti.
Bisogna aprire un processo politico-culturale che vada verso la censura di questo tipo di comportamenti.

Qual è il senso e il contenuto della vostra proposta di legge antidiscriminazione sessuale?

La nostra proposta aspira ad estendere la legge Mancino (legge contro il razzismo e xenofobia che sanziona anche penalmente questo atteggiamento discriminatorio e persecutorio) ai reati dettati dall’odio omofobico e transfobico perchè è doveroso che ci sia una censura sociale verso questi comportamenti persecutori. D’altra parte è necessario, perchè le leggi da sole non esauriscono il problema, che si attivino processi culturali capaci di condurre ad una serie di riforme nel campo dei diritti civili che contribuiscano al superamento di atteggiamenti discriminatori.
A questo si affiancano altre proposte come l’approvazione di una legge antidiscriminazione e di una che riconosca le coppie di fatto, per metterci in linea con la legislazione europea, molto più avanzata della nostra.

L’ultimo caso denunciato oggi alla Camera della giovane lavoratrice bresciana omosessuale è un filo rosso che si lega allo stupro estivo di cui parlavamo prima. Esiste verso le donne lesbiche una doppia forma perversa di odio e dunque di violenza, che deriverebbe dalla doppia condizione di esseri femminili e di omosessuali?

Sicuramente c’è una doppia violenza in quanto donna e in quanto lesbica. In quanto donna perchè, come testimoniato dalla giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il tema è di drammatiche proporzioni, inscritto nelle radici culturali che l’autonomia e la rottura femminile tendono a distruggere a danno di modelli patriarcali e maschili. In quanto omossessuale per il desiderio di cancellarti, di violarti per la tua disobbedienza che diviene radicalissima perchè duplice. Non casualmente, questa doppia violenza in Versilia, l’estate scorsa, è stata dichiarata inequivocabilmente: ti facciamo violenza non solo perchè sei donna, autonoma, ma perchè sei anche omossessuale.
Di fronte a questo purtroppo gli strumenti giuridici, politici e culturali sono ancora inadeguati. Bisogna avviare un lavoro profondo che coinvolga scuole, nuove generazioni, istituti sociali nello sforzo comune di costruire anticorpi culturali che contrastino questi fenomeni.

Forse anche in parlamento ce ne sarebbe bisogno visti gli ultimi episodi non proprio gloriosi…

Anche in parlamento, certo. Ma purtroppo dalle istituzioni mi sembra che non provenga nessun segnale di apertura in tale senso. Purtroppo sono pessimista: quello che sta succedendo intorno al dibattito sulla legge delle coppie di fatto è emblematico, e deve indirizzarci a rilanciare l’impegno sui diritti civili, perchè altrimenti temi come divorzio breve e superamento della legge 40 rischiano di rimanere irrisolti. Il fatto che ci sia l’Unione al governo non da niente per scontato sul tema del riconoscimento dei diritti civili.

Come stavi ricordando, il tema della discriminazione sessuale non può non rientrare nella generale partita, tanto discussa oggi, della estensione e del riconoscimento dei diritti: coppie di fatto ed eutanasia sono gli argomenti che stanno impegnando l’agenda e il dibattito politico-parlamentare ma anche della società. Si potrà arrivare secondo a te a norme e leggi veramente progressiste che finalmente sciolgano questi nodi senza giocare al ribasso con le componenti cattoliche che, anche a sinistra, condizionano prepotentemente il dialogo; oppure siamo destinati a raggiungere accordi che in concreto scontenteranno coloro che chiedono risposte in materia di diritto?

Io sono molto preoccupata e ritengo che si debbano contrastare apertamente posizioni che ci sono anche all’interno dell’Unione e che puntano a farsi dettare la linea dal Vaticano su questioni etiche che invece interrogano la politica profondamente. Bisogna capire in che tipo di società vogliamo vivere, se in una società repressiva e arretrata sul terreno dei diritti civili, oppure se vogliamo avviare un processo di riforma. I segnali che provengono dal dibattito politico non sono rassicuranti, ogni volta si impongono steccati ideologichi che impediscono di affrontare le questioni nel merito, affrontando concretamente problemi che riguardano la vita di uomini e donne in carne ed ossa. Sulla base di primati ideologici, di una gerarchia di valori che si vuole imporrre, di un’idea di stato etico che detta comportamenti, si cancella il principio della responsabilità individuale e dell’autodeterminazione delle persone.
Questo atteggiamento ideologizzato ha caratterizzato soprattutto la destra, però anche parti dell’Unione sono coinvolte nella deriva integralista e di uno stato etico. L’operazione teodem è chiara e altrettanto chiaramente va contrastata attraverso la costruzione di un movimento forte a cui dovremmo nei prossimi mesi lavorare tutti, con l’intento di indire una grande manifestazione nazionale che abbia il tema delle libertà e dei dirtti civili il suo punto fondante di riferimento. La società può infatti indirizzare l’azione del parlamento e del governo.
Senza questa iniziativa potremmmo non avere una legge sulle coppie di fatto perchè il rischio del ribasso è altissimo, visto che teodem e Rutelli mirano ad espellere questo punto dal programma dell’Unione per rimetterlo nelle mani del parlamento, risolvendolo sul profilo privatistico e non più pubblicistico, come noi vogliamo. Il tentativo di sacrificare sull’altare del partito democratico, in virtù di una convergenza che si deve ottenere fra le sue due anime (quella laica e quella più sensibilizzata in senso confessionale), rischia infatti di sacrificare le battaglie di grandi civiltà che pure sono portate avanti dalla società, sicuramente più avanti del parlamento e del governo.

A destra la xenofobia sessuale è un fiume non troppo sotterraneo che scorre copiosamente. A sinistra esistono ancora atteggiamenti discriminatori verso orientamenti sessuali considerati ‘diversi’?

No, discriminazione non credo proprio perchè anzi si è imposto uno sdoganamento forte del tema omossessuale e transessuale in politica: l’elezione in parlamento di Wladimir Luxuria e la designazione alla carica di governatore della regione Puglia di Nichi Vendola sono eventi che sono fortunatamente in linea con quanto accade nel mondo. La sinistra ha compiuto dunque passi importanti.
C’è però un altro ordine di problema, che è quello di continuare a relegare questo tema dei diritti civili nell’ ambito della libertà di coscienza anzichè sussumerlo sul terreno della politica. Questo è il frutto di un retaggio culturale che viene da una certa impostazione che la sinistra ha avuto in passato. I diritti civili non sono solo temi che interrogano l’etica individuale e la libertà di coscienza, ma sono parte importante di una battaglia complessiva di progresso e civiltà, sono espressione di un modello di società in cui vogliamo vivere.
Ecco proprio il rischio di lasciare predominare una cultura ortodossa dei processi sociali, chiusa in una loro visione lavorista, dove le culture critiche vengono ancora vissute come elementi marginali, va contrastata. I diritti sociali stanno insieme ai diritti civili, è impossibile pensare ad un processo di riforma sociale che non cammini insieme alla conquista delle libertà individuali. Oggi, di fronte alle ingiustizie prodotte dal neoliberismo e dalla globalizzazione, la necessità di mettere al centro dell’alternativa di società il grande tema della uguaglianza e della liberazione è centrale: uguaglianza e liberazione stanno insieme, non sono scindibili, come il terreno sociale non è scindibile da quello individuale.

news
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo