antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
1.05.21 Fascisti su Marche: così la Regione diventa laboratorio della nuova destra
7.04.21 Per i Servizi tedeschi l'Afd è un partito di "estrema destra" da sorvegliare
31.03.21 L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.03.05
Migliarino: approvato odg contro manifestazioni fasciste
·

Migliarino 20 Marzo 2005

Ordine del giorno

Il consiglio comunale di Migliarino riunitosi in data 20 Marzo 2005 in seduta straordinaria

PREMESSO

di aver letto, valutato e condiviso i principi sanciti dalla Costituzione Italiana con particolare riferimento agli artt. 2,3,11,13,17,18,21 nonchè al cap. XII delle disposizioni transitorie, quali fondamentali diritti e valori della Repubblica Italiana, scritti all’indomani della registrazione storica delle peggiori esperienze del genere umano vissute nella seconda guerra mondiale alla luce della tragica follia nazifascista;

di partecipare al riconoscimento unanime della “Giornata della Memoria” e “Giornata del Ricordo” commemoranti le vittime delle foibe e dell’Olocausto e la lotta di Liberazione dal nazifascismo, di cui ricorre il sessantesimo anno, quale pietra miliare da cui trae origine la nostra Repubblica democratica.

ESPRIME

Ferma e decisa condanna di tutte le forme di violenza, di intolleranza e di sopraffazione perpetrate dall’uomo che hanno provocato tragedie enormi con precise responsabilità umane e politiche

VALUTATO

il periodico manifestarsi nel nostro Comune da iniziative richieste quali commemorazioni di defunti componenti della Decima Mas e poste in essere come raduni celebrativi di ideologie fasciste, contrastanti con i valori fondanti della nostra Carta Costituzionale basata sui principi di pace, libertà e democrazia di cui l’Italia ha saputo essere testimone e protagonista con la lotta di Liberazione contro il nazi-fascismo

RICORDATE

in particolare, le atrocità e le aberrazioni compiute dal regime dopo l’armistizio dell’8 Settembre 1943, con la nascita della Repubblica Sociale Italiana nonchè l’alto tributo di sangue che anche Migliarino stessa ha pagato con i suoi Caduti per la libertà

CONSIDERATA

L’ampia convergenza realizzata fra le Istituzioni, partiti, i sindacati, le associazioni partigiane, il comitato antifascista intercomunale, i singoli cittadini che vogliono ribadire con fermezza l’assoluta contrarietà a tali manifestazioni che richiamano avlori e principi contrastanti con il dettato Costituzionale

AUSPICA

che le Autorità preposte, di fronte ad esplicite celebrazioni indirizzate alla apologia fascista, neghino le autorizzazioni per simili manifestazioni, limitandole alla mera commemorazione dei defunti e nei luoghi ad essa deputati.

===============================================================

Da www.romagnaoggi.it
news/Ravenna, data 23.03.2005, orario 19:42.
LUGO – Odg del consiglio comunale sulla Repubblica di Salò

LUGO DI ROMAGNA – Il Consiglio Comunale ha approvato, con 14 voti favorevoli e i voti contrari di Francesco Zannoni ed Edoardo Guidi (Casa delle libertà), un ordine del giorno in cui si chiede al Governo italiano il ritiro del disegno di legge che riconosce gli aderenti della Repubblica Sociale Italiana come «militari belligeranti, quindi equiparabili a tutti quanti prestarono servizio nei diversi eserciti dei paesi tra loro in conflitto durante la seconda guerra mondiale».

Il Consiglio considera infatti «offensivo equiparare i repubblichini fascisti ai combattenti appartenenti alle varie formazioni partigiane che sacrificarono la loro vita per liberare, insieme agli alleati, il nostro paese dal gioco nazi-fascista che l’opprimeva». Sostiene inoltre «che gli appartenenti alla Repubblica di Salò furono parte attiva nell’opera d’informazione a sostegno delle truppe naziste e nell’applicazione delle leggi razziali, che portarono alla cattura di donne e uomini, la cui sola colpa era di essere antinazisti ed antifascisti: donne e uomini che furono torturati e fucilati o deportati in Germania e inviati in campi di concentramento, dai quali molti non fecero ritorno». Sottolinea infine come gli storici italiani e stranieri abbiano «ampiamente documentato il ruolo di supporto, attivo e partecipato delle varie brigate legate alla Repubblica di Salò, alla repressione effettuata dalle truppe di occupazione nazista».

Date queste premesse, il Consiglio rileva che con il disegno di legge, già approvato dalla Commissione Difesa del Senato, «non si chiede comprensione per i combattenti della Rsi, che per un errato senso della patria si batterono dalla parte sbagliata, ma la loro pura e semplice equiparazione ai combattenti della libertà». E fa proprio (oltre alla posizione dell’Anpi provinciale di Ravenna in materia) l’appello di un gruppo di personalità democratiche, tra le quali Oscar Luigi Scalfaro, Giuliano Vassalli e Giovanni Conso. Nell’appello si invitano il Parlamento e il Governo a una riflessione seria e ponderata sul disegno di legge «per impedire una grave forma di “revisionismo giuridico e legislativo” e un’intollerabile equiparazione tra chi ha combattuto agli ordini del Governo legittimo e coloro che combatterono sotto la bandiera della Repubblica fascista di Salò, per conto di un “Governo fantoccio al servizio del tedesco invasore e privo di ogni legittimità”».

Dopo avere espresso allarme e preoccupazione «per il ripetersi, sempre più frequente, di tentativi di revisionismo, con i quali si cerca di rovesciare e negare la verità storica, e che – come ultimo atto – ha visto la soppressione, decisa dal Governo, dei fondi destinati all’attività dell’Anpi», il Consiglio ribadisce il proprio impegno «a difesa dei principi e dei valori democratici e antifascisti, che sono a fondamento della Costituzione della Repubblica Italiana» e chiede il ritiro del disegno di legge in questione.

documentazione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo