antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.03.05
Comunicato sulla manifestazione di Migliarino contro la XMAS
·

Comunicato RAF sulla manifestazione di Migliarino contro la XMAS

In una città completamente militarizzata, con più di 300 uomini delle forze dell’ordine, fra carabinieri e poliziotti e con tanto di “zona rossa” che delimitava la piazza del cippo ai caduti dell’ RSI si è svolta domenica 20 marzo la manifestazione antifascista contro il raduno della Decima Flottiglia Mas a Migliarino(Ferrara).La popolazione di Migliarino si è svegliata quasi in stato d’assedio con posti di blocco e poliziotti in ogni vicolo a chiudere piazza e strade. Gli antifascisti che dall’Emilia Romagna stavano raggiungendo Migliarino si sono visti bloccare alle porte della città, la colonna delle dodici macchine è stata bloccata da un nutrito schiramento di carabinieri, alcuni già in assetto antisommossa, siamo stati perquisti, le macchine sono state tutte controllate e noi schedati, con tanto di ripresa video. Mentre alle nostre spalle una macchina con all’interno un fascista, che esibiva con tranquillità gagliardetti di vario genere, stava prendendo i numeri di targa delle macchine ferme e non veniva allontanato e controllato dalla polizia. Il corteo militante ha raggiunto la piazza con slogan e cori contro il fascismo, lo stato di polizia e il prefetto di Ferrara che nonostante le numerose pressioni da parte degli antifascisti di Ferraresi ha dichiarato lecito e legale il diritto della Decima Mas di fare questo squallido raduno. Il governo Berlusconi, attraverso il prefetto di Ferrara, ancora una volta protegge e legittima i fascisti e le loro commemorazioni, come parte integrante di quel processo di revisionismo storico che vuole l’assoluzione del fascismo e la criminalizzazione della Resistenza. Come antifascisti non possiamo tollerare l’affronto che da più di sette anni questi fascisti fanno alla Resistenza e ai suoi morti, è inacettabile che in piazza a Migliarino a essere trattati come delinquenti siano stati gli antifascisti, scortati, schedati, relegati in una piazza lontano dal raduno e impossiblitati a muoversi, mentre i reduci e il folto gruppo di fascisti giovani al loro seguito hanno potuto indisturbati svolgere la loro commemorazione al cimitero e poi andare a mangiare in un ristorante vicino.
L’aspetto positivo della giornata è stato il sentimento antifascista che ha guidato tutti i compagni presenti, la militanza con la quale siamo scesi in piazza, che ha portato i fascisti della Decima ha decidere di non presentarsi nella piazza del cippo in centro a Migliarino.
Le poche istituzioni presenti hanno preferito, a parte qualche singolo militante, convocare un consiglio comunale straordinario, proprio durante la manifestazione antifascista, in questo consiglio si è firmato un documento, alquanto ambiguo, poichè non si tratta di una presa di distanza netta e inequivocabile dal raduno della Decima Mas, essendo contro tutte le violenze e auspicando che per il prossimo anno ai reduci venga data la possibilità “solo” di commemorare i propri morti nei luoghi a loro deputati, di fatto non si nega la loro presenza a Migliarino. L’importante per le istuitizioni è che il raduno passi sotto silenzio, lontano dai riflettori della piazza e dagli occhi dei cittadini, infastiditi dalle misure restrittive di polizia e carabinieri.
Come antifascisti crediamo che manifestazioni di commemorazione di morti che in vita furono torturatori di partigiani, assassini al seguito della dittatura fascista, siano inaccettabili e inaccettabile è anche mettere sullo stesso piano ogni forma di violenza. Questo è servito alle istutizioni per dissociarsi da eventuali scontri che sarebbero pututi nascere in piazza e per criminalizzare gli antifascisti presenti. Non facciamo e non abbiamo mai fatto affidamento sulle istituzioni, sui sindacati e sui partiti parlamentari che a ogni riunione precedente la manifestazione preferivano sottilineare la pericolosità dei gruppi antifascisti e dei centri sociali e dissociarsi, ancora prima che accadessero, da eventuali episodi di “violenza”. La vera e unica provocazione è invece il susseguirsi da 7 anni a questa parte di questa parata fascista.
Non è sufficiente firmare documenti e delibere per impedire ai fascisti di svolgere le proprie manifestazioni è necessario invece costruire una mobilitazione cittadina, di lavoratori, sinceri antifascisti, affinchè il prossimo anno non si ripeta questo oltraggio verso la Resistenza Antifascista e affinchè una citta non si debba svegliare sotto l’assedio di polizia e carabinieri.
E necessario riprendere il filo rosso che ci lega alla resistenza e costruire per il prossimo anno una mobilitazione regionale a Migliarino che veda la presenza di tutte le forze antifasciste militanti.
FIDUCIA NELLO STATO NON NE ABBIAMO L’ANTIFASCISMO E’ ROSSO E NON LO DELEGHIAMO.

RAF (Rete Antifascista Ravenna)
info: rafravenna@interfree.it

di Martedì, 22 Marzo 2005 – 09:26 AM

documentazione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo