antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.11.06
Verona: continue aggressioni
·

segnalato ad infoantifa@ecn.org:

Ciao,

l’altro ieri sera verso le ore 3 a pochi minuti dal CSOA La Chimica con due amici/compagni tra cui una ragazza ci imbattemmo in una vera e propria imboscata.. precisamente eravamo in una zona senza locali e bar, che a quell’ ora è deserta… E da una viuzza secondaria spuntano dieci individui (di cui 2 con tubi di ferro) e alle spalle ci colpiscono… prima accanendosi quasi tutti su di me e poi dividendosi tra me e il mio amico.. e dopo alcuni minuti o secondi di brutalità (sono ancora incerto) scappano da dove sono venuti e fuggono in auto… Io e il mio amico eravamo in terra sanguinanti e per fortuna non hanno attaccato la ragazza che preontamente chiama i compagni della chimica che ci raggiungono velocemente e numerosi… Ci portano all ospedale di borgo trento. a me vengono dati 21 giorni di prognosi (naso rotto con 2 punti, uno sbrago in testa da 3 punti e la faccia stra gonfia con escoriazioni ovunque) e per sfortuna sono minorenne ed è scattata automaticamente la denuncia, cosa alla quale sono fortemente contrario.. al mio amico sono stati dati invece 10 giorni di prognosi (con alcuni punti in testa e botte alla cervicale che l’hanno costretto a portare un collare) la ragazza come ripeto per fortuna era illesa…

Il giorno dopo ci riuniamo con i compagni della chimica e del collettivo studentesco al quale sono legato in quanto studente e ci sono novità: un nostro amico punx come noi (a Verona ci conosciamo tutti perchè siamo veramente pochissimi) viene aggredito brutalmente sul lago di Garda… Erano in 5, tra cui una ragazza e sono stai aggrediti da 20 fasci armati con manganelli di metallo e tirapugni… Dei 4 ragazzi picchiati 3 sono stati picchiati brutalmente ma non riportano danni seri e uno, al nostro amico (che ha 15 anni, anche se proprio nn sembra) sono stati dati 7 punti sul cranio, gli sono stati strappati gli orecchini dall’orecchio sinistro ed è stato colpito col manganello alle gambe alle quali aveva seri problemi…. Spaventoso… 3 dei pochissimi Punk di Verona aggrediti… E un Anarcopunk pochè settimane fa in centro Verona è stato fermanto da dei ragazzi che dicevano di cercare qualcosa da fumare e poi è stato preso a cascate in faccia… Ieri ci siamo ritrovati con l’idea di fare in un prossimo futuro una manifestazione antifascista che almeno mediaticamente (ma non solo) contrasti la realtà di estrema destra Veronese… Stamattina ho la rassegna stampa con i compagni della chimica e vengo chiamato da compagni di scuola che preoccupati mi chiamano per sapere un po come sto e sono venuto a conoscienza che sempre sabato un gruppo di fasci del Hellas Verona ha aggredito in Piazza erbe, in centro, un gruppo di ragazzi e ragazze ma senza le conseguenze serie che sono capitate ad altri. 3 aggressioni in una notte… 3 ragazzi con prognosi sopra i dieci giorni e almeno 5 malandati! QUESTA è Verona.. la Verona che pochi giorni fa ha permesso ad un corteo di forza nuova di occupare le scalone del municipio e di sfilare per la città, la Verona che ha permesso di autorizzare il presidio di Borghezio con la partecipazione di fiamma tricolore e veneto fronte skinhead nel quartiere di Veronetta, la parte più ghettizzata e dimenticata di Verona con una popolazione che per un buon 85% è composta da migranti… Quindi chiederei, magari con la pubblicazione di un articolo, di sensibilizare un po alla situazione veronese… Una città fascista sempre comandata da fascisti e nella quale le aggressioni sono all’ordine del giorno…

Grazie infinite e saluti antifascisti


Da Indymedia

Aggressioni fasciste
by c..s.o.a. La Chimica Monday, Nov. 27, 2006 at 3:41 PM

Aggressioni fasciste tra la notte del 25/ 26 novembre a Verona.

La notte tra il 25 e 26 novembre 10 fascisti (armati di spranghe) non identificati hanno colpito 1 ragazza (minorenne) e 2 ragazzi(uno dei due minirenne) con gravi contusioni.
Il tutto è avvenuto molto vicino al c.s.o.a. la chimica dal quale i tre ragazzi erano da poco usciti finito il concerto.
Il risultato è un naso rotto molti punti sulla testa dei due ragazzi e molti lividi dovuti ai calci di stupidi vigliacchi.
Oltre a questo nella stessa notte si hanno avuto notizie di altre due aggressioni: una nel centro storico di verona e la seconda a Bardolino in provincia della stessa città (sul Lago di garda per precisare). In tutti e due i casi le persone colpite hanno punti in testa e lividi su tutto il corpo. Gli aggressori erano dei chiari fascisti e dai numeri piuttosto elevati (si parla di 10/ 15 persone).

Esprimiamo sin da ora la più totale solidarietà con i ragazzi colpiti da queste schifose aggresioni.

Nei prossimi giorni aggiorneremo con più precisione quello che è accaduto e delle future iniziative in risposta ai fatti accadauti.

Ora e Sempre Resistenza
c.s.o.a. La Chimica



Da Indymedia

Nelle ultime tre settimane, in quattro diversi momenti, una decina di ragazzi, una decina di studenti, sono stati vittime di infami aggressioni da parte di gruppi di neofascisti legati alla tifoseria dell’hellas verona e a gruppi politici di estrema destra quali forza nuova e fiamma tricolore.

AGGRESSIONI FASCISTE

Il 27 ottobre, la notte seguente al comizio di borghezio, partecipato oltre che dalla lega anche da fiamma tricolore, intorno all’una un ragazzo di diciotto anni è stato brutalmente picchiato a volto s.luca da tre individui che si sono dileguati in macchina al grido di “zecca di merda”. Ha riportato una frattura del setto nasale e diversi ematomi.
La notte tra il 25 e il 26 novembre si sono verificati ben tre pestaggi in tre diversi luoghi della provincia.
Piazza erbe. ore 24.00. aggredito un gruppo di ragazzi che si permetteva di sedersi per terra, poichè, a detta degli aggressori “verona è una città di classe e non bisogna sporcarla in questo modo”. Uno di loro ha riportato una ferita all’occhio che gli è postata tre punti.
Bardolino.ore 1.00. aggredito un gruppo di cinque ragazzi da una ventina di balordi a volto coperto armati di manganelli e tirapugni. ad uno di loro, studente di quindici anni sono stati strappati i piercing dall’orecchio e ha riportato una ferita alla testa da sette punti. Gli altri sono rimasti contusi.
Borgo venezia. ore 3.00. due ragazzi e una ragazza stavano tornando a casa nei pressi del centro sociale la chimica, quando sono stati attaccati alle spalle da una decina di fascisti che si sono sistematicamente divisi in due gruppi e li hanno riempiti di botte con tubi di metallo, pugni e calci. Ad uno dei due sono stati strappati i capelli e ha ricevuto quattro punti in testa più contusioni varie, l’altro ha riportato una frattura al naso, tre punti in testa e innumerevoli botte.
Questo è solo il culmine di un escalation di aggressioni che non è mai cessata dall’accoltelleamento a volto s.luca del luglio 2005.
Il fatto allucinante è che questi ragazzi sono stati aggrediti semplicemente per come erano vestiti.
E’ inammissibile che non ci sia libertà di andare in giro per le starde della nostra città senza il timore di incorrere in un’aggressione, perchè vestiti i n un certo modo o riconoscibili come appartenenti alll’ambiente della sinistra antagonista.
Tutto questo in un contesto di tolleranza e accettazione a livello istituzionale.
Il 17 novemvbre infatti, in occasione della giornata mondiale per il diritto all’istruzione, è stata concessa piazza bra al corteo degli studenti di forza nuova ed il comune non ha fatto una piega di fornte a seicento neofascisti che sui gradini del municipio esponevano vessilli nostalgici e facevano il saluto romano al grido di “boia chi molla”. Gli stessi che ogni domenica infestano lo stadio con cori inneggianti al razzismo, facendo della curva dell’hellas uno strumento di aggregazione anche per giovani che ingenuamente si fanno coinvolgere.
La strategia costante di queste persone è quella di andare a fare proseliti laddove c’è più disagio sociale, puntando sulle frustrazioni e colmandole con l’aggressività e la violenza.
Denunciamo l’omertà del comune di fronte all’azione di questi partiti xenofobi e razzisti che fanno propaganda nelle scuole veronesi, che dovrebbero essere luoghi di crescita e formazione, strumentalizzando così molti studenti che partecipano alle loro iniziative forse non sapendo che le stesse persone passano i sabati sera a divertirsi picchiando i loro coetanei.
Non è la prima volta che le istituzioni permettono simili iniziative: il 25 aprile 2006, festa della liberazione dal nazifascismo, è stata concessa piazza dei signori al comitato degli integralisti cattolici e dei padani cristiani, vicini alle frange più estreme della destra veronese, mentre nelle immediate vicinanze si svolgeve la celebrazione dei comitati partigiani.
A settembre di quest’anno inoltre, mentre si svolgeva in arena lo spettacolo di dario fo, è stata autorizzata una manifestazione di forza nuova in piazza bra,e i cori fascisti hanno disturbato con insulti la messa in scena dello spettacolo.
Il mese scorso è stato autorizzato in piazza s.toscana il comizio di borghezio, che da sempre insulta volgarmente gli extracomunitari, partecipato anche da fiamma tricolore, nel cuore di veronetta, quartiere abitato prevalentemente da migranti.
Come studenti e antifascisti non abbiamo più intenzione di lasciare spazio ad atteggiamenti di questo tipo, la scuola deve essere ambito di condivisione di saperi e di interscambio critico di culture,e non un luogo dove è possibile sviluppare odio xenofobo e razzista.
Non abbiamo più nemmeno intenzione di permettere che media locali e istituzioni riconducano costantemente episodi di questo genere alla obsoleta logica degli “opposti estremismi”, il nostro modo di fare politica è completamente diverso, e nono può certo essere paragonato a quello di chi, come strumento politico, aggredisce vilmente alle spalle, venti contro uno.
Invitiamo tutti gli studenti delle scuole veronesi a prendere posizione riguardo agli episodi della violenza fascista, nel tentativo di fermare queste azioni ignoranti.

collettivo studentesco di verona
metropolis cafe

azioni_fasciste
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo