antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 28.08.06
Su "Il sangue dei vinti", lettera a Giampaolo Pansa: chi erano Faloppa, Spiotta e Veneziani
·

Riceviamo e pubblichiamo:

18/7/2006

Egregio Dottor Pansa,

ho letto “Il sangue dei vinti”, libro nel quale Lei cerca di far credere una novità quanto era già noto a tutti, che cioè dopo la Liberazione, moltissimi fascisti furono assassinati, cui si aggiunsero vendette private ed omicidi che con la politica avevano poco o nulla a che fare.

Dico a ragion veduta “noto a tutti” perché in casa mia, che era piuttosto apolitica, si diceva che dopo la Liberazione era meglio non andare in certe strade al mattino presto perché c’era il morto e che la cosa fosse di pubblico dominio è chiaramente spiegato dal più bel racconto di Guareschi, “due mani benedette”: se lo rilegga e rifletta che se Guareschi pubblicò quel racconto nell’immediato dopoguerra e nessuno se ne meravigliò, fu perché tutti sapevano che quelle cose erano successe.

Per citare un libro, fra tanti, Bocca lo scrisse nel suo libro “l’Italia
partigiana” a pag 524: “la città più dura è Torino centinaia di fascisti uccisi, file di cadaveri sul Lungopò”.

In realtà pensando alla scia di ferocia e di sangue che i repubblichini lasciarono dietro di sé (Benedicta, Voltaggio, Masone, Passo Mezzano, Turchino, Barbagelata, Squazza, Castellaccio, Forte di San Martino, Calvari, Cichero, San Colombano Certenoli, Olivetta, Cravasco, Rossiglione, per citare solo i fatti più noti della provincia di Genova) ci sarebbe da meravigliarsi se non fosse successo qualcosa del genere (è un giudizio storico, non morale, perché la responsabilità è sempre individuale).

Entrando nei contenuti, mi sono soffermato in particolare su una parte che parla di Liguria:

Ho visto che “Livia” Le parla di Faloppa, Spiotta e Veneziani.

Anzitutto Spiotta (che si chiamava Vito e non Umberto, “Livia” o ha fatto confusione o non era ben documentata) e Veneziani furono condannati a morte al termine di un regolare processo (sono contro la pena di morte in maniera assoluta e non approvo) e quindi non rientrano nel quadro “giustizia sommaria” e Faloppa è riuscito a fuggire.

Secondariamente, ha chiesto a “Livia” chi erano i tre personaggi?

O “Livia” non lo sapeva, o Lei non glielo ha chiesto.

Essi appaiono in parecchi documenti della Resistenza, valga per tutti quanto scrive Brizzolari pubblicando l’archivio di Taviani (Un archivio della Resistenza in Liguria, Genova 1974) a pagina 102:.... “Faloppa, vice federale, denunciò Bigoni (il questore) a Mussolini perché non era abbastanza duro. Tuttavia figura di primo piano negli ambienti polizieschi genovesi restò sempre il commissario dott. Giusto Veneziani, capo della squadra politica della questura, di un fanatismo forsennato, servizievole strumento del tedesco ed accanito seviziatore: col tempo, però lo stesso Veneziani verrà superato dall’infernale figura di Vito Spiotta, che imperverserà soprattutto nel Chiavarese (era capo della Brigata nera)....”

Spiotta fu quello il 21 maggio 1944 fece fucilare sulla piazza di
Borzonasca il primo caduto della Resistenza Genovese (Raimondo Saverino “Severino”) e gli negò l’assistenza religiosa urlandogli “un cane come te non ha bisogno del prete per andare all’inferno”; il 27 maggio poi Spiotta fece saccheggiare ed incendiare Cichero, “il covo dei ribelli”; nel verbale della seduta del CLN per la liguria del 9 ottobre 1944 si legge:
“il delegato del PS segnala l’intollerabile condizione prodottasi a
Chiavari in conseguenza delle atrocità perpetratevi da Vito Spiotta; si calcola che egli faccia uccidere da 5 a 9 persone alla settimana (forse a questo si riferiva “Livia” quando Le disse che era “uno che non andava per il sottile”) e che le vittime ammontino a circa un centinaio”.

Nella seduta del 29 marzo 1945 il CLN della Liguria deliberò:
”.... di proclamare criminali di guerra e di darne immediata notizia agli alleati: Vito Spiotta e Livio Falloppa per il cinico sadismo dimostrato nella persecuzioni contro i patrioti sia nella zona di Chiavari sia in quella di Genova. Il nome del dottor Veneziani viene pure segnalato quale zelante esecutore degli ordini delle SS persecutore degli antinazifascisti.” Il comitato deliberò pure di inviare una lettera a Veneziani, al suo aiutante Buccelli ed a Falloppa, di cui ecco i testi datati 5 aprile: – a Veneziani: “il Comitato di Liberazione Nazionale ha più volte preso in esame il vostro caso, veramente singolare ed eccezionale…...vi ricorda, ancora una volta, che il vostro operato sarà giudcato dai tribunali del popolo.” – a Buccelli : Il Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria ha
preso in esame il vostro caso e lo zelo che voi esplicate alle dipendenze del famigerato psicopatico Veneziani. Vi rendiamo noto che si sta archiviando la documentazione delle vostre attività le quali verranno presto giudicate dal Tribunale del popolo. – a Falloppa: “Al Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria
continuano a pervenire informazioni e documenti sull’attività criminosa svolta da elementi da voi dipendenti, a danno della popolazione e, particolarmente, dei patrioti.
......Il Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria vi notifica che il Tribunale del Popolo giudicherà la vostra diretta responsabilità in tali atti criminosi e fin d’ora ne va archiviando la inoppugnabile documentazione”.

Perché “Livia” non Le ha parlato di chi erano i tre personaggi e quindi “il famigerato psicopatico Veneziani” nel Suo libro è diventato “uno che inflisse colpi duri ai GAP comunisti”, probabilmente con efferate torture come fece con Giacomo Buranello il 2 marzo 1944 (“viene condotto in questura e affidato all’ufficio politico del dott. Veneziani. I servi dello straniero, che lo interrogano, sfogheranno su di lui loro più sadici istinti e le torture causeranno sofferenze inaudite. Esasperati dal silenzio del comandante i traditori tormenteranno con il fuoco le parti
più sensibili del corpo, ma Giacomo, insanguinato con il volto tumefatto e la pelle annerita dalle percosse e dalla tortura del fuoco, resisterà impavido”, Brizzolari cit. pag. 110) e chissà quanti altri?

Certo che se la qualità del resto del Suo libro è come questo capitolo della parte terza c’è proprio da stare freschi, come diciamo a Genova.

In effetti, mi pare che Lei con questo libro abbia assunto, nei confronti dei fascisti. che, non dimentichiamolo, ci sono ancora, sono persuasi di aver avuto ragione e ci vogliono riprovare, lo stesso ruolo che gli indipendenti di sinistra ebbero nei confronti del PCI.

Ed invece non va dimenticato che i repubblichini erano, a tutti gli
effetti, traditori della Patria e servi del tedesco invasore; se vuole Le posso inviare la dimostrazione storica (che parte dal 25 luglio) e non possono, in alcun modo, essere messi sullo stesso piano di chi lottò per l’onore e la libertà della Patria (anche se parte di questi avevano anche altri fini che però non si concretizzarono).

Questa lettera è inviata anche ad un certo numero di miei amici, ai quali, naturalmente se Lei è d’accordo, invierò anche copia della Sua eventuale risposta.

Cordiali saluti.

Piero Stagno
Genova

materiali storici
r_liguria


articolo precedente           articolo successivo