antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.05.06
L'epilogo di Alternativa Sociale
·

L’epilogo di Alternativa Sociale
Rottura insanabile all’interno del cartello neofascista guidato da Alessandra Mussolini

di Giuseppe Scaliati – Redazione Osservatorio Democratico – 02/05/2006

Nella imminente corsa al comune di Roma si è consumata nei giorni scorsi una rottura – a quanto sembra insanabile e sicuramente con ripercussioni a livello nazionale – all’interno della coalizione neofascista Alternativa Sociale. Infatti, Alessandra Mussolini che capeggiava il cartello neofascista, ha deciso autonomamente di appoggiare ufficialmente Gianni Alemanno nella corsa al Campidoglio, dopo le tante smentite soprattutto verso i propri alleati. Lo sfidante di Veltroni ha già anticipato che alla nipote del duce verrà riservato l’Assessorato all’infanzia, alle donne e alle politiche della famiglia.
I fedeli alleati della Mussolini fino alle ultime elezioni, Adriano Tilgher del Fronte Sociale Nazionale e Roberto Fiore di Forza Nuova, gridano al tradimento. Anche perché secondo indiscrezioni sembra che Alemanno abbia chiesto alla Mussolini espressamente di lasciarli fuori da questo accordo e lei ha accettato senza tentennare minimamente. A questo punto i leader dell’estrema destra hanno annunciato la presentazione di una lista comune, Fronte Nazionale e Forza Nuova, alle prossime amministrative capitoline.
Un certo malcontento all’interno della coalizione si era avvertito già qualche giorno prima, quando il sito web di Azione Sociale segnalava che tutte le informazioni del portale di Alternativa Sociale al Parlamento Europeo (www.aseuropa.it) non sono in alcun modo collegabili con Azione Sociale, né tanto meno, con l’On. Alessandra Mussolini.
Questo, nonostante proprio grazie al cartello elettorale la nipote del duce alle scorse europee è riuscita a conquistare lo scranno a Strasburgo dopo aver racimolato quasi 400 mila voti pari all’1,2% dei consensi. Infatti, la coalizione era nata solo qualche mese prima della tornata elettorale, quando all’indomani della fuoriuscita di Alessandra Mussolini da Alleanza Nazionale, si erano riuniti intorno a lei – in virtù del cognome che portava come annunciato ai quattro venti – le varie frange della destra radicale italiana, su tutti Roberto Fiore e Adriano Tilgher. Inoltre, a varie riprese e in maniera litigiosa al cartello ha poi partecipato anche il MS-FT di Luca Romagnoli.
Alle successive regionali, nel 2005, dopo lo scandalo delle firme false nella raccolta delle sottoscrizioni per la presentazione delle liste, il cartello neofascista ottiene un risultato elettorale deludente rispetto alle aspettative non riuscendo ad accaparrarsi neanche un eletto in nessun consiglio regionale. AS, sulla media nazionale, si aggira intorno all’1%, con punte del 2% in Campania e nel Lazio dove la Mussolini è candidata in prima persona alla presidenza.
Nonostante gli attacchi contro gli esponenti del centrodestra sono proseguiti anche dopo la campagna elettorale, in particolare verso Fini e Storace, allo stesso tempo sono iniziate le trattative con Silvio Berlusconi per un eventuale accordo in vista delle prossime elezioni politiche. Ma quando si sta per formalizzare l’accordo, scoppia il caso delle “candidature impresentabili”. Sotto accusa l’intenzione di AS di candidare, insieme alla Mussolini, gli altri leader della destra estrema: Fiore, in passato condannato con l’accusa di associazione sovversiva e banda armata e rientrato in Italia solo essere stato latitante a Londra per dieci anni; e Tilgher, condannato a una pena detentiva in passato per ricostruzione del partito fascista nonché coinvolto, ma assolto, dalle accuse di responsabilità nelle stragi dell’Italicus e della stazione di Bologna.
I principali alleati della Mussolini decidono quindi, di fare un passo indietro e solo la nipote del duce verrà candidata come capolista in alcune circoscrizioni mentre in altre, come capolista viene candidata l’avvocato Anna Mazzaglia Miceli, fidanzata di Tilgher. Ovunque le liste di AS inoltre, si presentano piene di ex esponenti di Alleanza Nazionale eletti nella scorsa legislature nelle liste di Fini o candidati “fantasiosi” come il nobile nero Lilio Sforza Ruspoli nella corsa a palazzo madama dopo essersi candidato con la Lega Nord alle scorse europee. Alle elezioni, Alternativa Sociale raccoglie un risultato non proprio incoraggiante, che non gli garantisce l’attribuzione di nessun seggio: i voti raccolti sono 255 mila alla Camera (0,7%) e 214 mila al Senato (0,6%). Un netto passo indietro rispetto alle precedenti tornati elettorali.
Ma visti gli ultimi retroscena Alessandra Mussolini ha saputo rimediare all’insuccesso elettorale, voltando le spalle alla modesta coalizione per ritornare a pieno titolo nel centrodestra in cambio di qualche poltrona che difficilmente sarebbe riuscito a conquistare alla guida di Alternativa Sociale.

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo