antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 31.01.06
- Verona: Molotov contro il csoa La chimica
·

Da Indymedia: (1) e (2)

Verona, Molotov contro il CSOA LA CHIMICA
by militante Tuesday, Jan. 31, 2006 at 10:39 AM

Domenica mattina alle 3 e mezza il csoa la chimica ha subito un’altro attentato incendiario (non rivendicato ma la cui matrice è inequivocabilmente fascista) con il lancio di una bottiglia incendiaria; fortunatamente all’interno c’erano ancora dei compagni che sono subito intervenuti a spegnere l’incendio.


AGGRESSIONE FASCISTA: VERONA
by csoa la chimica Thursday, Feb. 02, 2006 at 9:34 AM

verona. lunedi 30: aggressione fascista a un compagno del csoa la Chimica. sabato 28: bottiglia incendiaria contro la chimica.

BESTIE SENZA TESTA!

Ora basta. Ogni gesto di ribellione contro l’oscurantismo fascista ha dentro di sé una scintilla di libertà, è un assioma che difenderemo e diffonderemo sempre.
Vigliacchi! Ancora 5 contro 1. Vigliacchi! di notte a viso coperto.
La notte di lunedì 30 gennaio, un compagno del centro sociale la Chimica, all’uscita del concerto di Massimo Bubola, al teatro filarmonico, è stato vigliaccamente aggredito da un gruppo di 5 fascisti, che hanno infierito su di lui con calci e tirapugni, anche una volta caduto a terra. Una modalità nota di aggressione nonché una manifestazione clamorosa di vigliaccheria, che dimostra sia l’incapacità di un confronto che non sia quello della superiorità numerica e della violenza sia la nullità umana di questi tristi figuri.
Due giorni prima, sabato notte, la Chimica ha subito un attentato incendiario (non rivendicato ma la matrice è sicuramente fascista) con il lancio di una bottiglia incendiaria; fortunatamente all’interno c’erano ancora dei compagni che sono intervenuti a spegnere l’incendio.
Vogliamo sottolineare che questi eventi si inseriscono in un preoccupante contesto nazionale: pestaggi ai diversi, nazificazione delle curve da stadio, escalation di aggressioni ad attivisti e luoghi del movimento antagonista.
Non possiamo far altro che registrare l’inconsistenza creativa, sociale e politica dei neofascisti. L’unica loro attività è il proselitismo e l’indottrinamento subdolo allo stadio, strumentalizzando la curva e la tifoseria di Verona. Alla propria incapacità reagiscono in maniera scomposta rincorrendo temi, idee e pratiche a cui non sanno dare alcun contenuto se non quello della discriminazione, dell’odio e della gerarchia.

I mezzi di comunicazione cittadini accettano come normalità le azioni razziste e intimidatorie che ormai da mesi affliggono Verona. Silenzio su: il magrebino legato e gettato in un bidone della spazzatura e salvato solo per caso; l’africano prelevato da un gruppo di neofascisti dalla propria casa e pestato a sangue; la campagna di odio che la destra sta portando avanti, ricattando gli abitanti del quartiere di San Zeno, costringendoli a firmare petizioni razziste; le intimidazioni squadriste e della propaganda razzista e fascista allo stadio (luogo di indottrinamento di ragazzini); dell’indifferenza con cui vengono tollerate scritte murali fasciste e naziste. L’aggressione fascista al consigliere dei verdi Bertani (ottobre 2005) è diventata oggetto di battute e viene catalogata come una qualsiasi zuffa da bar, così come le intimidazioni avvenute durante l’elezione del “Papà del gnocco”, quelle quotidiane fatte agli immigrati…
Anche da parte della classe politica c’è una preoccupante diffusa volontà di rimuovere il problema, per salvare la faccia perbenista della città, quando invece l’unica maniera per far crescere una coscienza civile è quella di denunciare i fatti intollerabili.

A questo si può certo aggiungere il numero allucinante di violenze e assassini avvenuti nel territorio di Verona a danno di prostitute e immigrate, nel corso degli ultimi anni: questi atti nascono dal terreno putrido seminato di odio e disprezzo della subcultura fascista e leghista che arriva a considerare nulla la vita umana di donne e migranti. Così come i deliri da far west padano, che hanno già provocato un assassinio a Sandrà.
Vogliamo denunciare che le sedi di questi fomentatori di odio dovrebbero essere chiuse perché la storia e la coscienza civile hanno già detto NO alla loro assurdità.

Vogliamo denunciare giornali e mass media che hanno fatto passare un losco figuro come Mancini, da tutti conosciuto come picchiatore e agitatore razzista tra i più ributtanti, come un mite agnellino, bravo lavoratore che ha tentato di sedare una rissa (nel corso della quale gli si è sbucciato un dito; il fatto è poi passato come accoltellamento, parificato dai giornali al tentato omicidio e alle centinaia di coltellate subite da compagni in luglio, a volto S.Luca).

Siamo stanchi di ascolatre parole di rassegnazione alla soffocante alleanza tra vecchia e nuova destra, leghismi, integralismo cattolico. E’ il momento di costruire una risposta articolata e organizzare legami fra diverse forze sociali e culturali che devono saper valorizzare la condivisione dell’antifascismo e saper costruire coesione sociale con nuove lotte portate avanti con creatività, intelligenza.

Cos’è il fascismo? Corriamo il rischio di definire fascismo tutto ciò che ci fa ribrezzo, identificarlo come partito dell’imbecillità, della violenza e del male. E questo non funziona. I fascismi possono essere ricondotti all’ossessione dell’identità nazionale e/o etnica, dell’appartenenza, dell’origine, della riconoscibilità. Da questo deriva la rigidità, il rifiuto del diverso, della tenerezza e dell’ironia. Questa ossessione cresce perché il nostro è il tempo della contaminazione vivificante, del meticciamento, della transcultura.
La reazione disorientata dei fascisti è data dalla pulsione a riconoscersi come identici, identificabili, appartenenti a una comunità (di fede, razza, linguaggio…). Soltanto l’origine fa fede dell’appartenenza e come sappiamo l’origine è un’illusione, una leggenda, un’attribuzione più o meno condivisa ma infondata. Tutti proveniamo da una storia di incroci e contaminazioni.
La sensibilità che si contrappone al fascismo, e a pensieri e pratiche reazionarie, deve essere molteplice, contrastare le sue dinamiche sul piano comunicativo e creativo ma quand’è necessario non rinunciare alla contrapposizione fisica; ma saprà andare oltre: costruire spazi di libertà e ricombinare socialità, desideri, culture e forze: questo è l’impegno cui devono farsi carico gruppi culturali e forze politiche antifasciste della città e del territorio.

Da parte del csoa La Chimica questa strada è già intrapresa, progetti di nuove sensibilità e forme di vita antifasciste e antirazziste: l’autogestione, la lotta accanto ai migranti e contro la guerra, la valorizzazione delle diversità di genere e di desiderio, l’impegno per la giustizia sociale, contro la condizione precaria del lavoro, per il diritto alla casa, la produzione culturale non sottomessa, la creazione del mercato autogestito (terra/ambiente/produzione/rivoluzione dei consumi). Costruire in maniera cooperativa forme e strumenti di comunanza. Dall’aria all’acqua fino alla produzione informatizzata e alle reti.

csoa la Chimica, motore ribelle antifascista antirazzista, verona

azioni_fasciste
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo