antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.01.06
Striscioni e slogan nazifascisti dei tifosi giallorossi
·

Striscioni e slogan nazifascisti dei tifosi giallorossi
Protesta la comunità ebraica. Veltroni: “Intollerabile”
Olimpico, svastiche in curva sud
“Lazio-Livorno: stesso forno”
Sensi: “Politica fuori dagli stadi” ma la Roma rischia sanzioni
La polizia ha sequestrato sei molotov, tre arresti e una denuncia
Olimpico, svastiche in curva sud
“Lazio-Livorno: stesso forno”

Le bandiere esposte alla curva sud durante Roma-Livorno

ROMA – Sugli spalti dell’Olimpico sono tornate svastiche e croci celtiche. Era già successo l’anno scorso, una domenica di fine settembre. Si è ripetuto questo pomeriggio. Giocava la Roma contro il Livorno e in curva sud, culla del tifo giallorosso, al fischio d’inizio sono comparse le bandiere e gli striscioni della vergogna: il volto del Duce, la croce uncinata e quella celtica, simboli delle frange più estreme della destra.

Simboli che sono rimasti lì per tutto il primo tempo e buona parte del secondo senza che le forze dell’ordine intervenissero. C’era pure un lungo striscione bianco sul quale era scritto: “Lazio-Livorno: stessa iniziale, stesso forno”. Un gesto tanto più vergognoso perché compiuto nella settimana che ricorda al mondo la tragedia della Shoah.

Le reazioni. Condanna, non poteva essere altrimenti, è giunta dalla comunità ebraica. Vittorio Pavoncello del gruppo ebrei di Roma, ha definito l’esposizione di simboli nazifascisti “un fatto gravissimo contro il quale dovrebbero intervenire le autorità sportive”.

Da parte sua, il presidente della Roma si è limitato a un tiepido auspicio rivolto ai tifosi della sua squadra: “Mi piacerebbe – ha detto Franco Sensi – che la politica restasse fuori dagli stadi”.

Stesse parole ha usato il sindaco di Roma ma il tono è stato più duro e la condanna del gesto netta e senza appello: “La politica deve stare fuori dagli stadi – ha detto Walter Veltroni – ma tanto più deve stare fuori l’apologia del regime nazista che tanto orrore e morte ha portato nel mondo”. “Roma è la città della deportazione degli ebrei, Roma è la città delle Fosse Ardeatine”, ha sottolineato Veltroni. “Simili comportamenti non possono più essere tollerati”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Enzo Foschi, consigliere regionale Ds: “E’ riduttivo chiamarli imbecilli. Ancora una volta qualcuno ha voluto tradire la passione di tanti tifosi e l’amore per il calcio”. E Marco Rizzo, dei Comunisti italiani: “E’ orrendo quello che è accaduto: la nostra Costituzione vieta espressamente l’apologia del fascismo. Altrettanto responsabili però sono coloro che non hanno provveduto a far rimuovere le bandiere”.

Gli arresti. La Roma rischia ora la squalifica del campo. Già prima che iniziasse la partita, i tifosi giallorossi si erano scontrati contro la polizia all’esterno dell’Olimpico. In un’ottantina, con il viso nascosto dai caschi o dai passamontagna, hanno tentato di attaccare i pullman dei sostenitori del Livorno lanciando sassi e bottiglie.

Un paio di agenti sono rimasti lievemente feriti, alcuni mezzi della polizia sono stati danneggiati. Tre romanisti sono stati arrestati (tutti accusati di danneggiamento e lesioni e uno anche di detenzione di materiale esplodente di tipo non legale perché è stato trovato in possesso di una potente bomba carta) e un quarto, un minorenne, è stato denunciato in stato di libertà.

Il piano. La questura ha accertato che gli ultras giallorossi avevano un piano: con il lancio delle molotov contro i torpedoni provenienti da Livorno volevano vendicare un tifoso romanista che lo scorso anno, all’Olimpico, dopo aver raccolto un petardo lanciato dai sostenitori amaranto, perse alcune falangi di una mano in seguito allo scoppio. A questo dovevano servire le sei bottiglie molotov scoperte dagli agenti sotto il ponte Duca d’Aosta. E lo striscione lungo nove metri con la scritta “V’avemo bruciati tutti” sequestrato a un giovane doveva essere esposto dopo l’azione.

Da qualche giorno gli investigatori della capitale avevano sentore che per i violenti quella di oggi potesse essere l’occasione di una rappresaglia per quanto accaduto nella gara della scorsa stagione.

(29 gennaio 2006)
repubblica

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo