antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.01.20
Antisemitismo, compare la scritta “Qui ebrei” sulla porta di casa del figlio di una partigiana deportata nei campi di sterminio
·
La scritta è comparsa sulla porta della casa dove la partigiana Lidia Beccaria Rolfi ha vissuto fino alla morte, nel 1996: la via dove sorge la casa è stata intitolata alla sua memoria pochi anni fa, ma la sua famiglia Rolfi non è di origine ebraica

24 Gennaio 2020

“Juden hier”, cioé “Qui ci sono ebrei”: la scritta antisemita che marchiava le abitazioni durante il nazismo è comparsa stanotte sulla porta di casa di Aldo Rolfi, figlio della Lidia Beccaria Rolfi, a Mondovì, in provincia di Cuneo. Con la vernice nera è stato tracciato il messaggio in tedesco e la stella di Davide, ma la famiglia Rolfi non è di origine ebraica: Lidia, staffetta partigiana, è stata deportata a Ravensbruck nel 1944. I proprietari dell’abitazione hanno denunciato l’episodio ai carabinieri: il figlio Aldo ha diffuso le foto in un post su Facebook. Sull’episodio, accaduto pochi giorni prima delle celebrazioni per la Giornata della Memoria, Indaga anche la Digos di Cuneo.

Lidia Beccaria è nata nel 1925 a Mondovì: diplomata alle magistrali, è entrata nella Resistenza con il nome di battaglia di “maestrina Rossana”. Il 13 aprile del 1944 viene arrestata dai fascisti della Guardia Nazionale Repubblicana e consegnata alla Gestapo. Deportata nel campo di concentramento nazista di Ravensbrück, al suo ritorno, ha raccontato gli orrori dei lager in “Le donne di Ravensbrück”, prima opera in italiano sulla deportazione femminile. Nel ’97 uscì postumo “Il futuro spezzato,” un saggio sull’infanzia durante la dittatura, con l’introduzione di Primo Levi. La scritta è comparsa sulla porta della casa dove la partigiana ha vissuto fino alla morte, nel 1996: la via dove sorge la casa è stata intitolata alla sua memoria pochi anni fa.

“Ho attraversato questa porta molte volte. Ci abitava la mia amica Lidia Beccaria Rolfi – ha scritto su Facebook Bruno Maida, ricercatore di storia contemporanea all’università di Torino – Oggi ci abita Aldo suo figlio. La scritta è apparsa oggi, dopo che Aldo è intervenuto su un giornale locale per ricordare sua madre”. Ieri infatti sul settimanale Provincia Granda era apparso un articolo in cui Rolfi parlava del crescere di sentimenti antisemiti: “L’emergenza odio è colossale, palpabile in tutti i campi. La mente torna a notti buie e vergognose della nostra Storia recente”. Milena Santerini, coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo, lo ha definito “un segnale gravissimo di intolleranza e provocazione proprio nei giorni in cui ricordiamo la Shoah”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/01/24/antisemitismo-compare-la-scritta-qui-ebrei-sulla-porta-di-casa-del-figlio-di-una-partigiana-internata-nei-campi-di-sterminio/5683938/





Mondovì, scrivono "Qui c'è un ebreo" sulla porta del figlio di una deportata

L'uomo aveva ricordato su un giornale locale la madre, Lidia Beccaria Rolfi, che era stata imprigionata a Ravensbruck come politica. Il figlio: "Si è creato un clima e questi sono gli effetti". La ministra Azzolina: "Sono turbata, si è passato il limite".

24 gennaio 2020

La scritta apparsa sulla porta dell'abitazione di Mondovì, nel Cuneese
Una scritta antisemita è comparsa a Mondovì, in provincia di Cuneo, a poche ore dal Giorno della Memoria. Sulla porta dell’abitazione di Lidia Beccaria Rolfi, staffetta partigiana, deportata a Ravensbruck come politica, ma testimone dell'Olocausto, qualcuno ha pensato di vergare le parole "Juden hier", qui abita un ebreo, e una stella di David come quelle usate dai nazisti per identificare gli ebrei. Una frase che riecheggia quelle usate dai nazisti durante i rastrellamenti, in Italia quanto in Germania, per deportare gli ebrei.

Nella casa di Lidia Beccaria Rolfi, morta nel 1996, abita oggi il figlio Aldo che ha già sporto denuncia contro ignoti. "È inquietante quello che è successo questa notte. Non c'è altro modo per commentare - dice il figlio - Ieri è uscito un articolo dove ho fatto alcune riflessioni e riportato frasi di interviste di mia madre e questo è il risultato. Mi sembra il segno tangibile di un clima che si è creato e questi sono gli effetti". Sulla "Provincia Granda" Aldo Rolfi aveva scritto tra l'altro: "L'emergenza odio è colossale, palpabile in tutti i campi. La mente torna a notti buie e vergognose della nostra Storia recente".

"Ho attraversato questa porta molte volte. La scritta è apparsa oggi, dopo che Aldo è intervenuto su un giornale locale per ricordare sua madre. Al di là della patente ignoranza - Lidia è stata una deportata politica - è uno dei molti segnali che ci dovrebbero fare alzare la voce per ricordare a tutti che essere antifascisti è il primo dovere della memoria che abbiamo" commenta lo storico Bruno Maida che con Lidia Rolfi ha scirtto diversi libri sulla deportazione. "Mi sembra un gesto molto grave tanto più nella dimensione di Mondovì e per il ruolo di Lidia".

Si definisce "profondamente turbata" la ministra della Scuola, Lucia Azzolina, che spiega a Repubblica: "Quella scritta - dice - è un atto vergognoso. Con questo episodio a mio avviso si è superato il limite. Mi aspetto che la condanna sia unanime perché il vero pericolo è l’indifferenza. Bisogna schierarsi sempre senza esitazione. La scuola italiana è da sempre scudo contro le manifestazioni di odio e discriminazione. E continuerà ad esserlo".

Indignato anche il sindaco di Mondovì, Paolo Adriano:"E' un atto gravissimo che, da sindaco e da uomo, condanno fermamente. Un fatto vergognoso che offende ed indigna Mondovì, città medaglia di bronzo al valor militare nella guerra di Liberazione, e tutti i monregalesi. Ci stiamo organizzando per rispondere con un'apertura straordinaria della sinagoga di Mondovì. In attesa che vengano concluse le indagini per individuare e assicurare alla giustizia i responsabili del gesto - conclude il sindaco - esprimo solidarietà al nostro concittadino Aldo Rolfi e a tutta la famiglia. Ricordo, infine, che tra pochi giorni e con ancor più viva partecipazione Mondovì poserà due nuove pietre alla memoria di due concittadini deportati".

" 'Jude hier', qui abita un ebreo. È accaduto a Mondovì, in provincia di Cuneo. Sulla porta di casa della famiglia di una staffetta partigiana e testimone dell'Olocausto, ieri qualcuno ha lasciato una scritta antisemita. Come quelle usate dai nazisti durante i rastrellamenti per deportare gli ebrei nei campi di concentramento. Ecco dove porta la cultura dell'odio. Cosa altro deve accadere per capire che dobbiamo mobilitarci tutti contro questa follia che ci porta indietro?". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. "Un abbraccio immenso - aggiunge - a tutta la comunità ebraica. Non siete soli. Sostituiamo l'intolleranza, l'odio,la violenza, l'arroganza con la fiducia, il rispetto, la speranza, la passione. Cosi si costruisce il futuro migliore per tutte e tutti".

"Noi non abbiamo paura. Solo molta amarezza". Lo afferma Emanuele Fiano, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera,commentando sul suo profilo Facebook dal titolo: "Se pensavate che fosse tutto finito".

"A nome della terra che rappresento e che ha pagato con tante vite il rispetto e la difesa della libertà, mi indigno per un gesto ignobile che il Piemonte condanna con la sua storia e con i suoi sacrifici. Spero che i responsabili vengano individuati al più presto e puniti con il massimo rigore". Lo scrive, in una nota, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, commentando la scritta antisemita apparsa a Mondovì (Cuneo) sulla porta di casa del figlio di una ex deportata.

Anche il presidente del Consiglio regionale del Piemonte Stefano Allasia, che presiede anche il Comitato Resistenza e Costituzione, esprime "profondo sdegno" per la scritta antisemita di Mondovì. "Mi auguro che siano al più presto individuati i responsabili di questo ignobile gesto che condanno con forza, quelle scritte antisemite sono una vergogna e un'offesa a tutti piemontesi; esprimo a tal proposito vicinanza e solidarietà verso la comunità ebraica - aggiunge Allasia -. È inaccettabile che gesti del genere, tra l'altro a pochi giorni dal 75esimo anniversario dell'abbattimento dei cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, rievochino il razzismo antisemita per il quale si può solo provare vergogna".

“Un atto ignobile e vergognoso. Un gesto figlio di toni e comportamenti che purtroppo la politica sta assumendo in questo periodo e che fanno sentire qualcuno legittimato a commettere queste vigliaccate. Permettetemi il termine poco istituzionale, una vera porcata”. Sono le parole di condanna da parte di Federico Borgna, sindaco di Cuneo - dove una scuola è intitolata a Lidia Rolfi - e presidente del comitato a difesa della Costituzione nata dalla Resistenza

https://torino.repubblica.it/cronaca/2020/01/24/news/mondovi_scrivono_qui_c_e_un_ebreo_sulla_porta_del_figlio_di_una_deportata-246567128/?ref=RHPPLF-BH-I246569211-C8-P8-S1.8-T1

vandalismi_minacce
r_piemonte


articolo precedente           articolo successivo