antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.04.05
Attaccata la sede dell'UNCRSI a Torino
·

da indymedia – anarcotico:

“Abbiamo ricevuto il seguente comunicato:

Rivendicazione azione contro UNCRSI

Dal marzo 2003, l’Unione nazionale combattenti della Repubblica Sociale italiana (UNCRSI) ha una nuova sede provinciale nella nostra città. La sede, che si trova in Corso Giulio Cesare 23 bis, ospita conferenze, riunione, incontri, organizzati dai militanti della Federazione. L’UNCRSI si occupa inoltre di realizzare e pubblicare periodicamente un bollettino dal titolo “Giovinezza” in cui vengono pubblicizzate le iniziative che si svolgono all’interno della sede e che al contempo è utilizzato come strumento di propaganda fascista per vecchi e nuovi militanti.

Già da una prima lettura del bollettino è chiaro come negli articoli siano costanti e forti i riferimenti alla Repubblica Sociale italiana, al ventennio fascista e ai suoi protagonisti; tra gli altri i maggiormente citati e ricordati nostalgicamente sono Pavolini, il Duce e Claretta Petacci. Al ricordo sulle pagine del bollettino, si aggiungono momenti di incontro vero e proprio con personaggi legati alla storia fascista e nazista invitati all’interno della sede torinese. L’UNCRSI organizza periodicamente anche viaggi di gemellaggio con camerati d’Oltralpe, gerarchi nazisti, come Erich Priebke, la Falange spagnola di Barcellona, ex appartenenti a divisioni dell’esercito nazista come la Waffen SS Charlemagne.

Questo non deve tuttavia far pensare che la UNCRSI sia formata da una cricca di nostalgici vecchietti che si ritrovano per onorare la passata storia fascista. Questa organizzazione ha di fatto chiari collegamenti anche con gruppi e personaggi dell’estrema destra contemporanea. Onore, legittimità e riconoscimento sono attribuiti al lavoro politico di Forza Nuova; le iniziative tentano di richiamare un pubblico anche giovane e mirano a esaltare la Repubblica Sociale italiana come uno dei momenti più alti nella storia del nostro paese; è precisa la volontà di aggregare nuovi adepti e di impartire lezioni di storia rivisitata e revisionata. Per fare un esempio, riguardo al 25 Aprile – giornata di memoria per la resistenza partigiana – nel bollettino il senso e il significato di quella data viene ribaltato con la solita retorica e il 25 Aprile diventa “una giornata di vergogna storica nazionale”. Nella testimonianza di uno storico svizzero, la morte del Duce viene invece narrata e ricordata come l’epopea di un eroe che si fa martire nel sacrificarsi per la sua patria.

“Il fascismo non è dietro le nostre spalle, il fascismo è davanti a noi”, così si conclude un articolo del bollettino in cui viene presentato e recensito un libro dal titolo “Dio e Patria” dedicato a Padre Liberato Rosson, noto per le sue omelie in memoria dei caduti del fascismo. Questa sorta di slogan conferma quanto sia forte e prioritaria per l’UNCRSI la volontà di rinsaldare i legami tra i vecchi fascisti e i nuovi militanti dell’estrema destra attivi nel nostro paese affinché si moltiplichi l’apertura di sedi e di spazi, il radicamento nei territori, esperienze forse ancora poco conosciute nella nostra città, ma che altrove hanno trovato già terreno fertile.

Di pochi giorni fa la notizia che a sessant’anni dalla Liberazione dal nazifascismo e dalla fine della Seconda guerra mondiale, le SS ritornano in Italia, per essere precisi in Val di Susa. La sera del prossimo 27 maggio infatti, a Condove, presso un ristorante, la UNCRSI ha organizzato una serata d’onore per celebrare il gemellaggio con l’Associazione Ex Appartenenti alla Divisione Waffen SS “Charlemagne”, ultimi difensori di Berlino e sterminatori di popolazioni civili. La lettera d’invito alla serata si apre con un “Cari Camerati” e si chiude con “un caloroso abbraccio cameratesco” e con il saluto “A Noi! – Sigh Heil”.

Mentre la UNCRSI pretende di celebrare le “glorie” nazifasciste nei nostri territori, Alleanza Nazionale cerca di dare riconoscimento istituzionale ai caduti e ai militi della Repubblica di Salò attraverso un vergognoso disegno di legge. Il partito di Gianfranco Fini, vorrebbe infatti riconoscere come belligeranti i repubblichini e quindi equiparare le squadracce nazifasciste alla resistenza partigiana.

Priorità e dovere di ogni antifascista è di contrastare in tutti i modi qualsiasi tentativo di affermazione politica e legittimazione sociale da parte di gruppi apertamente fascisti e nazisti, ai quali non va concessa nessuna agibilità nelle nostre strade e nei nostri quartieri. I covi di questi gruppuscoli inneggianti al Duce e al Terzo Reich vanno chiusi, i raduni e le manifestazioni pubbliche di questi personaggi vanno impedite e ostacolate.

Anche quando i gruppi neofascisti si nascondono dietro fantomatiche associazioni culturali non sono meno pericolosi, poiché di fatto veicolano idee e stimolano comportamenti che vanno a legittimare chi scende nelle strade a picchiare gli immigrati, chi da infame ferisce e uccide con le lame, chi vilmente attacca i posti occupati, chi insomma fa del razzismo e della xenofobia le proprie ragioni di vita nonché la sua pratica quotidiana.

Qualsiasi tentativo da parte di vecchi e nuovi fascisti di costruire percorsi politici, di organizzare iniziative, di radicarsi nei quartieri della nostra città, ieri come oggi verrà contrastato nel solo modo possibile: l’antifascismo militante.

Oggi l’Antifascismo Militante ha fatto visita e reso inagibile la sede dell’Unione Nazionale Combattenti della RSI di Torino, covo di fascisti amici di Forza Nuova, di reduci delle SS, di gruppi dell’estrema destra europea.”

news
r_piemonte


articolo precedente           articolo successivo