antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 13.03.08
Sesto Calende (VA): droga, coltellate, spari, arrestati due giovani di estrema destra
·

Da VareseNews

Sesto Calende – Un magrebino di 24 anni colpito da uno proiettile esploso dopo un litigio nei pressi della stazione. Trasportato a Varese, non è in pericolo di vita

Ferito alla gamba da un colpo di pistola

Un giovane di 27 anni è rimasto ferito nel pomeriggio di oggi, sabato 16 febbraio, da un colpo di arma da fuoco sparato da un uomo nel parcheggio in via Maddalena, a Sesto Calende, nella zona compresa tra la stazione ferroviaria e l’imbocco del ponte di ferro sul Ticino.
L’uomo è di origine marocchina; colpito a una gamba è stato soccorso da un mezzo del 118 che lo ha medicato e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Circolo di Varese, ma le sue condizioni non sono preoccupanti.

Sulla vicenda indagano i Carabinieri che hanno già ascoltato a lungo il ferito. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, con precedenti per spaccio, avrebbe litigato con due persone a bordo di una vettura. Dopo il litigio, la vittima si sarebbe incamminata verso casa ma l’auto lo avrebbe tallonato. In via Maddalena, il diverbio sarebbe ricominciato tra il magrebino e uno dei due uomini sceso dalla macchina, il quale avrebbe poi estratto una pistola e sparato. Tra le ipotesi più accreditate quelle di un regolamento di conti o un avvertimento legato al mondo degli stupefacenti. Gli aggressori ( italiani o albanesi) sono fuggiti e i carabinieri li stanno cercando.

Sabato 16 Febbraio 2008
redazione@varesenews.it


Da VareseNews

Sesto Calende – Due giovani legati a gruppi di estrema destra in manette per tentato omicidio di un ventisettenne marocchino. In carcere per droga anche la moglie e il cugino di uno dei due

Droga e razzismo dietro gli spari di via Maddalena

Droga, coltellate, spari. Tutto condito da odio razziale e ideologia nazifascista a fare da sfondo. Una vicenda di violenza e malavita ricostruita dai carabinieri della compagnia di Gallarate, che in meno di una settimana sono riusciti ad arrestare gli autori (due italiani di 30 e 32 anni) del duplice tentato omicidio di sabato 16 febbraio a Sesto Calende. In manette anche altre due persone per spaccio e detenzione di cocaina (una donna di 28 e un uomo di 30 anni).

Tutto è cominciato sabato 16 febbraio, in piazza Mazzini a Sesto Calende. Due cittadini marocchini, di 25 e 27 anni, sono entrati in un negozio d’abbigliamento e all’uscita ad attenderli hanno trovato due italiani di 30 e 32 anni, teste rasate e fisici palestrati. È nato un diverbio, secondo i carabinieri per questioni legate al commercio di droga sull’ambita piazza sestese, ma anche connesso al razzismo delle due teste rasate, vicine ai movimenti dell’estrema destra varesina. Il più giovane degli italiani ha tentato di accoltellare il venticinquenne marocchino, tagliando jeans e slip del giovane, senza però ferirlo. I nordafricani sono scappati a piedi, inseguiti dai loro aggressori in auto: la fuga è durata poco più di 300 metri. In via Maddalena il trentaduenne italiano ha sparato due colpi di pistola, raggiungendo alla coscia il marocchino di 27 anni, ferito e giudicato guaribile in 20 giorni. Le telecamere del Comune hanno ripreso la prima fase del diverbio, fino alla fuga dei nordafricani.

I militari hanno attivato una serie di indagini e sono giunti nella stessa serata di sabato ad arrestare il primo indiziato: a Sesto Calende è finito in manette il trentenne, residente da poco a Daverio, un passato di tossicodipendenza e doping (anabolizzanti), qualche esperienza da buttafuori nei locali, è accusato di aver tentato di accoltellare uno dei due marocchini. L’arma è stata trovata nel corso delle perquisizioni. Per trovare il secondo indiziato il lavoro di indagine è stato più complesso a causa di una sorta di cortina sollevata da “fratelli e cugini”, come usano chiamarsi tra di loro gli appartenenti ad un certo mondo dell’estrema destra. Una serie di fiancheggiatori sono stati torchiati, nelle perquisizioni sono state trovate immagini, bandiere nazifasciste, gigantografie del Duce e tutta una serie di riferimenti a quella che il capitano della compagnia gallaratese Michele Lastella ha definito “fantaideologia di estrema destra”. Nella notte di ieri, giovedì 21 febbraio, intorno alle 22, anche il secondo indiziato è finito in manette per tentato omicidio e possesso di droga: i carabinieri lo hanno arrestato a Induno Olona mentre si apprestava a partire per la Svizzera o per qualche altro luogo sicuro. La moglie era già seduta sul taxi quando è scattata l’operazione dei militari: nei borsoni sono stati trovati anche 40 grammi di cocaina, bilancino e tutto l’occorrente per la divisione in dosi. Anche la donna, 28 anni, è finita in manette e come lei uno dei “fiancheggiatori”, un italiano di 30 anni, nella cui abitazione sono stati trovati 5 grammi di coca già suddivisi e pronti per la vendita e custoditi in una scatoletta per caramelle.

Entrambi gli arrestati vivono tra Varese e la provincia e sono arcinoti alle forze dell’ordine per reati connessi alla droga e a reati contro la persona. Uno dei due, il trentaduenne accusato di aver sparato contro il marocchino, ha avuto legami con i Blood&Honour, formazione di estrema destra egemone a Varese. È uscito da poco più di un mese di prigione e anni fa fu vittima di un tentato omicidio a Malnate sempre per questioni legate allo smercio di stupefacenti: un colpo di pistola gli trapassò da parte a parte il deltoide, ma se la cavò. I carabinieri sono convinti che non si sia stato il caso a portarli a Sesto Calende: anche i due marocchini infatti sono già conosciuti per spaccio e detenzione di droga e il più vecchio è anche stato in carcere per tentata violenza sessuale. Per risalire alle identità dei responsabili del tentato omicidio i carabinieri si sono avvalsi dell’aiuto della compagnia varesina e della squadra mobile della Questura di Varese, ringraziati dal capitano di Gallarate: «Non è stato facile – ha detto Lasttella -. Un bravo ai miei uomini. I due arrestati erano coperti da una coltre di protezione difficile da scalfire, tanti giovani legati da una pseudo ideologia, dall’uso di droghe e da violenza sistematica».

Venerdi 22 Febbraio 2008
Tommaso Guidotti
tommaso.guidotti@varesenews.it

news
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo