antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.07.07
Molotov nel giardino di un'insegnante: giovane piacentino patteggia un anno
·

Da La Libertà

Il 21enne era accusato di altri episodi di vandalismo messi a segno in città con tre amici minorenni


Molotov nel giardino di un’insegnante:
giovane piacentino patteggia un anno

(ferr.) Un anno al ragazzo piacentino accusato di avere lanciato una bottiglia molotov contro l’abitazione di una sua insegnante e di altri episodi di vandalismo sempre contro la professoressa e edifici scolastici cittadini. Il ragazzo, 21 anni, ha patteggiato la pena ieri mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare Gianandrea Bussi. Pubblico ministero era Gilberto Casari. L’imputato è difeso dall’avvocato Mauro Pontini. Il magistrato ha applicato la sospensione condizionale della pena. Erano stati i carabinieri della compagnia di Piacenza nell’autunno di due anni fa a scoprire una banda di ragazzini, di cui uno solo (l’imputato di ieri) a quell’epoca maggiorenne, che avevano messo a segno una serie di atti vandalici sia contro una loro insegnante che contro scuole cittadine: “Raineri Marcora” e “Gioia”.
L’episodio più grave risale al settembre del 2005 con un fatto che aveva suscitato scalpore: il lancio di una bottiglia incendiaria nel giardino dell’abitazione di un’insegnante di matematica in un istituto superiore cittadino. Secondo le successive indagini dei carabinieri l’obiettivo delle persone che avevano lanciato la bottiglia incendiaria sarebbe stato quello di “punirla” per essere stata troppo dura con gli studenti.
Dopo questo primo episodio erano accaduti altri atti vandalici che secondo l’accusa sarebbero da attribuire all’imputato di ieri e ad alcuni altri suoi amici minorenni.
Dopo la molotov nel giardino dell’insegnante erano partiti una serie di stringenti controlli da parte dei carabinieri che avevano “monitorato” gruppi di giovani. A finire nel mirino degli investigatori erano stati alcuni studenti e i sospetti si erano concentrati sul più “anziano” del gruppo, unico maggiorenne.
I militari avevano iniziato una serie di pedinamenti. E tre studenti erano stati individuati mentre imbrattavano con vernice spray i muri del liceo “Gioia”. Scritte inneggianti al nazismo in generale e insulti contro il sindaco Roberto Reggi che aveva poi denunciato il fatto ai militari dell’Arma. Quest’accusa era stata comunque successivamente archiviata.
L’insegnante già vittima degli studenti era poi stata vittima di altri lanci di bottiglie di vino e di birra che, sempre nei fine settimana, si erano andati ad infrangere contro i muri della sua abitazione.
Ma vittime dei vandalismi erano stati non solo l’insegnante, anche un cittadino a cui era stata data alle fiamme l’auto. In un primo tempo le fiamme avevano distrutto solo una parte del mezzo e secondo i carabinieri si era reso necessario un secondo atto di vandalismo per “completare” l’opera e l’auto era stata completamente distrutta dalle fiamme. A conclusione delle indagini di quella che era stata definita “l’operazione Gianburrasca” i carabinieri avevano denunciato a piede libero alla procura della Repubblica di Piacenza il 19enne e tre suoi amici di sedici anni. Nei confronti di questi ultimi era scattata una denuncia alla procura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni di Bologna.
Il ragazzo piacentino comparso ieri mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare doveva rispondere di sei episodi di vandalismo, il più grave dei quali quello del lancio della molotov, considerata dal codice alla stregua di un’arma da guerra. È stata comunque riconosciuta al giovane l’attenuante costituta dal fatto che la bottiglia incendiaria era stata realizzata in modo molto rudimentale.
Ieri mattina il legale dell’imputato ha chiesto e ottenuto di patteggiare la pena che è stata concordata con il pubblico ministero in un anno di reclusione con la sospensione condizionale.

news
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo