antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.02.04
Bergamo - appendice
·

12/02/2005
paci paciana – appendice

Vogliamo invece, in quest’appendice, qui evidenziare la strategia che porta da un lato bande di naziskin a colpire i centri sociali e chi fa conflitto e dall’altro organi di disinformazione, questure e fascisti in doppio petto a fare da sponda organica ai bonheads.
Ci troviamo davanti una serie di reazioni dell’ “ordine costituito” (che deve, in un Paese impegnato in una guerra globale, aumentare ancor di più il controllo sociale) che si possono leggere su un doppio binario: se da un lato per esempio i giornali, nel caso bergamasco “l’eco di bergamo”, saltano a piè pari iniziative e presenze del centro sociale (per esempio il bel corteo dei migranti del 23 ottobre quando la presenza del c.s.a. è stata ignorata nonostante fossimo stati un pezzo importante dell’organizzazione della manifestazione), ignorando tutto il lavoro aggregativo fatto, dall’altro lato si permettono di usare la fantasia e inventare interviste (come quelle uscite – recentemente – riguardo alla distruzione dell’automobile e l’aggressione subita da alcuni ragazzi la notte fra il 16 e il 17 ottobre fuori dal pacì oppure un’altra intervista a “un ragazzo del pacì paciana” completamente frutto dell’immaginazione del giornalista uscita il giorno successivo al rogo del pacì), speculando su tutto quello che avviene nei nostri confronti: l’aggressione subita in città alta è stata per loro una “guerra fra bande”, così come precedentemente le provocazioni subite il 24 aprile. I media locali (ma faremmo meglio a dire “il giornale unico locale”, dato che il monopolio della dis-informazione bergamasca è in mano a “l’eco di bergamo”) attutiscono, stemperano quanto succede e nel contempo mischiano le carte sul tavolo, per propinare ai lettori le solite notizie trite e ritrite e i soliti commenti che non si espongono ma fanno tanto tanto vendere.
Anche la Questura di Bergamo usa un doppio canale, uno “visibile” e uno sottile e “invisibile”. Se “per legge” arrivano a punire con la massima durezza qualsiasi cosa, come anche solo un attacchinaggio, e cercano di trovare tutti i modi per colpire in maniera sistematica chi esprime dissenso, ci troviamo invece dall’altro lato a metodi da “strategia della tensione”: minacce (come quelle nei confronti di alcuni ragazzi il 2 giugno durante la contestazione al vicepremier Fini: alcuni agenti della digos portavano in disparte e minacciavano di “scannare” alcuni ragazzi, sequestrando loro anche il cellulare per qualche tempo), cariche indiscriminate e gratuite (corteo studentesco del 23 novembre, con conseguenti minacce di falsa testimonianza verso un esponente del c.s.a. pacì paciana), le “trappole” verso il movimento, alle quali gli agenti digos non sono nuovi: qualche anno fa accudivano uno sparuto nucleo di Volontari Verdi durante una partecipata festa multietnica in via Quarenghi a Bergamo, aspettando solo di poter affibbiare qualche denuncia a chi li avvicinava per far loro capire che la Bergamo antirazzista non li voleva, così il 24 aprile del 2004 hanno accompagnato per tutto il centro cittadino una banda di naziskin per poi “scagliarla” contro un gruppo di compagn* che stava facendo l’aperitivo. Ora a tutto questo si unisce anche il tentativo di addossare ai frequentatori stessi del c.s.a. Pacì Paciana la colpa dell’incendio subito.
Senza dimenticarsi la storia, il passato più o meno vicino: nei giorni prima del vertice G8 a Genova 3 compagni del c.s.a. Pacì Paciana sono stati aggrediti e malmenati (al grido di “a Genova vi spacchiamo il culo”) da alcuni poliziotti: uno di questi, Alfio Rota Bulò (nominato poi “agente dell’anno” per la questura di Bergamo….) si inventava di essere stato aggredito e denunciava i tre ragazzi.
La destra bergamasca, in particolare la Lega Nord, ha creato il clima di intolleranza verso il centro sociale e il Movimento nel quale i naziskin sguazzano. Attraverso le loro voci più becere e urlate, come Belotti da anni portano avanti una campagna di odio contro immigrati e sedicenti “noglobal”, invocando maggior controllo e repressione, fomentando insicurezza sociale, intolleranza diffusa e razzismo. Sono fascisti in doppiopetto, sicuri nelle loro poltrone, con la possibilità di sfruttare a piacere i mezzi di comunicazione.
L’aspetto invece meno “salottiero” della destra bergamasca ha la testa rasata e fa il gioco della destra istituzionale e del potere costituito. E’ carne da macello per i “padroni del vapore”, pronta per essere lanciata, educata in un clima di odio verso “il diverso”, contro i centri sociali. Accade a Bergamo, accade a Milano, dove in un anno e mezzo abbiamo visto succedersi una serie impressionante di aggressioni, frutto di un rimettersi in moto di una rete lombarda neofascista: aggrediscono nei paesi i ragazzi con i capelli lunghi o con la cresta, bruciando loro la macchina (come è successo nell’hinterland di Bergamo), sguazzano impuniti per Bergamo facendo saluti romani e scortati dalla digos (come il 24-4-2004), aggrediscono con coltelli alcuni ragazzi del c.s.a. Pacì Paciana la sera del 31 luglio 2004 in Città Alta, tendono agguati fuori dal centro sociale, godendo di protezione e immunità.
A Milano ma come in altre città della Lombardia accade la stessa cosa:
3 febbraio a Milano,aggressione di un ragazzo di ritorno dal centro sociale Orso;
23 marzo a Milano, incendio doloso nella sede del Naga;
11 aprile a Cermenate, aggressione a due studenti
2 giugno a Vigevano, incendio doloso all’interno del centro sociale La Sede;
6 agosto a Milano aggressione agli avventori del Malabestia ad opera di bonehead che immediatamente dopo si scontrano con alcuni ragazzi del vicino centro sociale CSOA COX18, accoltellandone sei di cui tre in punti vitali;
16 agosto a Milano, tentato furto al centro sociale Vittoria, arrestati i tre che cercavano di scassinare la porta;
17 agosto a Milano, incendiato il centro sociale Cantiere;
8 settembre a Busto Arsizio appiccato il fuoco all’interno della sede dell’Anpi
9-10 gennaio a Milano incendiata l’Officina della Resistenza Sociale.
A Milano gli/le antifascist* sono anche sotto processo e hanno subito già carcere e misure restrittive per aver fatto scendere da un treno speciale per un corteo un gruppetto di fascisti: sono accusati di aggressione e rapina, il carrozzone della [dis]informazione e della repressione ha tentato di chiudere la bocca a chi da anni si oppone al fascismo e al razzismo ogni giorno, nella quotidianità del cercare di costruire una società diversa
24-25 gennaio a Brescia incendiato il Magazzino47
LA RESISTENZA CONTINUA!

www.ecn.org/paciana

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo