antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 10.01.07
2007/01/27 Milano: concerto benefit per Renato
·

DANCE HALL PER RENATO

JD SOUND – roma
ROMAREGGAECOALITION – roma
I-TAL SOUND – milano


SABATO 27 GENNAIO 2007 h 22
presso SPAZIO AURORA
v.Cavour, 4 Rozzano MILANO

Alle cinque di mattina del 27 agosto scorso. alluscita di una festa raggae a Focene-Roma una ragazza e due ragazzi sono stati aggrediti a freddo da due balordi neo-fascisti.
E così che Renato Biagetti a soli 26 anni muore con 7 coltellate sul corpo.
Renato non era un militante, era un ragazzo che condivideva il suo impegno sociale.
il suo rispetto per la vita, la tolleranza e la bellezza della diversità
negli spazi sociali.

SERATA DI FINANZIAMENTO PER LE SPESE LEGALI

Assemblea per Renato

RENATO SUONA IL POPOLO BALLA

Renato Biagetti ucciso a 26 anni da mano intollerante la notte di sabato 27 agosto mentre usciva da una dance hall reggae a Focene, nei pressi di Ostia.
Un’aggressione a freddo, non una rissa come alcune ricostruzioni hanno voluto far credere in un primo momento, ma 8 coltellate quasi tutte dirette a punti vitali, l’addome e il petto.
Questa notizia ci ha riportato prepotentemente nella memoria la notte del 16 marzo 2003 a Milano quando Davide Cesare, Dax, veniva assassinato in una dinamica molto analoga.
Come per i fatti di Focene anche a Milano gli aggressori non erano propriamente dei militanti politici di formazione dell’estrema destra e tra loro c’era un minorenne di appena 17 anni.
Non elementi organici a gruppi organizzati, ma singoli impregnati di fascismo e xenofobia. Chi con una celtica tatuata sul corpo e chi con gli “altarini” dedicati al ventennio e al duce in casa, in entrambi i casi gli accoltellatori sono stati arrestati e consegnati alla “giustizia” dello Stato, ma non ci interessa fermarci a questo.
E’ importante capire a fondo quello che è successo a Focene, è importante continuare a ricordare Renato.
A Milano come a Roma la prima battaglia che si è dovuta sostenere è stata per la ricostruzione della verità, contro i numerosi tentativi di ridurre il fatto a uno dei tanti episodi di cronaca nera che affollano i giornali.
Una morte che non deve scuotere le coscienze, che deve essere dimenticata per tornare in fretta ad una presunta normalità. Una “rissa” o “lite degenerate”, tra “spostati” o “balordi”, insomma, in qualche modo, tra gente che se la và a cercare.
Dax era un militante antifascista ed, insieme ad altri compagni, è stato riconosciuto come tale e quindi colpito. Al contrario Renato non era un attivista politico, solo si è trovato “nel luogo sbagliato” (il “Buena Onda” locale gestito da persone di Rifondazione Comunista e frequentato da gente definita “di sinistra”).
Al posto suo ci poteva essere chiunque dei partecipanti a quella festa. Gli assassini di Renato hanno colpito in un ipotetico mucchio, identificato come “diverso” o “zecca”, quindi nemico. La morte di Renato è il prodotto dell’escalation di violenza squadrista che la destra nazifascista ha saputo alimentare attraverso incendi, accoltellamenti e aggressioni contro compagni, migranti, comunità omosessuale, centri sociali e sedi politiche, in genere contro chiunque sia “altro” o “di sinistra” magari soltanto perché, ad esempio, porta sotto braccio “il manifesto”. Un dato che s’inserisce nella trasformazione complessiva del clima politico e culturale che attraversa gran parte della società, sempre più basato sulla paura, il controllo, il razzismo e l’intolleranza.
Esistono delle responsabilità e dei processi che alimentano questa tendenza, vanno individuati e contrastati con il monitoraggio e la presenza nei territori.
Se Roma risulta essere uno dei laboratori più avanzati delle nuove destre, e lì troviamo le Occupazioni non Conformi, a Milano abbiamo assistito più volte al ritorno di vecchi leader dell’eversione nera, candidati in liste elettorali, fondatori di pseudo-circoli culturali o giovanili foraggiati dalla destra istituzionale. Da tempo si registra un tentativo di gruppi di studenti facenti riferimento a diversi partiti della destra estrema, fare lavoro di propaganda nelle scuole medie superiori e nelle università della nostra città.

Vogliamo dedicare a Renato una festa, perché quello è stato il contesto nel quale è stato vigliaccamente colpito.
Vogliamo far incontrare Renato a tutta quella gente che parteciperà, attraverso distribuzione di materiale, allestimenti e proiezioni.
Vogliamo ricordare a noi stessi e a tutti quanti che la militanza antifascista non la si può e non la si deve delegare a nessuno.

CON DAX E RENATO NEL CUORE

Assemblea per Renato Milano gennaio 2007

manifestazioni antifa
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo