antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 1.10.06
Raduno neofascista Viterbo - Rassegna stampa
·

Viterbo – All’apertura poche decine di miltanti – A sorpresa chiesti 50 euro ai giornalisti per avere l’accredito
Fiasco per la prima giornata del raduno di Forza nuova
30 settembre 2006 – ore 1,30

Fiasco con sorpresa per la prima giornata del raduno di Forza Nuova

Ieri sera nel caseificio della Commenda, nonostante che il programma prevedesse una serie di appuntamenti, si sono visti solo poche decine di militanti di estrema destra. Insomma, all’apertura della manifestazione, erano di più gli uomini delle forze dell’ordine che i neofascisti.

Ma non è mancata la sorpresa, che Fiore & c. hanno preparato con
premeditazione: “I giornalisti per partecipare all’incontro debbono versare 50 euro”, ha spiegato la gentile Denise, addetta ai rapporti con la stampa.
L’accredito, in poche parole, costa 50 euro.

Come dire che per ascoltare il verbo di Fiore e Voigt bisogna finanziare il loro gruppo di estrema destra.

A quel punto i pochissimi giornalisti presenti, si sono rifiutati di pagare il balzello e sono stati invitati gentilmente ad uscire.

Proibite anche le foto. E qui si rasenta la macchietta perché le foto erano proibite se si calpestava il sacro suolo conquistato da Forza nuova. Ma ovviamente tutti i fotografi hanno potuto fare le foto dall’esterno con il teleobiettivo appropriato.

Ma il flop vero delle tre giornate di Forza nuova, che una ne fa e cento ne pensa per avere risonanza mediatica, è stato proprio lo sciopero dei giornalisti. Grazie allo sciopero Fiore & c. si sono visti ridurre vertiginosamente l’esposizione sui media.

In breve è iniziato male il raduno degli estremisti di Forza nuova. E anche in modo ridicolo.
Come dire quattro amici al bar con le idee a dir poco confuse sul secolo che si sta vivendo.

E bene ha detto un giovane giornalista di Repubblica commentando il tentativo di far pagare i cinquanta euro: “Non ci sono più i fascisti di una volta”.


Viterbo – Raduno di Forza nuova
Il prefetto ha incontrato il comitato antifascista
29 settembre 2006 – ore 12,30

Il prefetto

– Il prefetto Giacchetti ha ricevuto ieri una delegazione del Comitato spontaneo antifascista di Viterbo, guidata dal consigliere comunale Marco Prestininzi (Rc).

E’ stata consegnata al prefetto documentazione relativa alla posizione del comitato sul raduno organizzato da “Forza nuova” .

Il prefetto ha dato assicurazione sulle misure di sicurezza adottate per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, ribadendo che per lo svolgimento del raduno non è richiesta alcuna autorizzazione di pubblica sicurezza poiché lo stesso si svolge in proprietà privata.

viterbo – http://www.tusciaweb.it


Viterbo – Raduno di Forza nuova
Interrogazione al ministro degli interni
30 settembre 2006 – ore 1,30

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA AL MINISTRO DELL’INTERNO

Per sapere premesso che:

nei giorni che vanno dal 29 Settembre al 1 Ottobre è previsto nella
provincia di Viterbo un raduno internazionale di gruppi d’estrema destra, organizzato dai vertici di Forza Nuova;
dalla lettura del programma si evidenzia l’esplicito richiamo ai simboli e valori fascisti, vietati già da tempo dalla Legge Scelba – Mancino;

l’evento è stato reso noto in questi giorni dagli organizzatori sul sito ufficiale di Forza Nuova (http://www.forzanuova.org );
desta inoltre una forte preoccupazione il metodo con cui questi incontri vengono svolti, cioè tenendo segreto il luogo preciso dell’incontro fino a pochi giorni prima dell’inizio: una tattica ben precisa, spesso utilizzata per eludere le forze dell’ordine e rivolgersi a privati sotto mentite spoglie per la concessione di spazi (come nel caso di Soriano nel Cimino 15/09/06 Corriere di Viterbo);

tra gli invitati del seminario è certa la presenza di figure già note da tempo nel panorama nazi-fascista europeo (come Udo Voigt del partito nazionale popolare tedesco) che non nascondono il loro nostalgico attaccamento a valori anti-democratici;
già da diversi anni il Viterbese assiste a continui attacchi squadristi, da parte di gruppi di estrema destra, che rivendicano gli stessi ideali xenofobi, fascisti e antisemiti di chi ha organizzato questo evento;

come risulta dai numerosi fatti di cronaca, questi atti violenti sono
consumati verso ragazzi di sinistra e semplici cittadini presunti tali, che vengono brutalmente attaccati per le vie della città da folti gruppi armati di bottiglie, coltelli e catene, e, spesso, costretti a ricoveri ospedalieri.

se è a conoscenza dei fatti sopradescritti;
se non ritenga che un raduno del genere violi i valori democratici che fondano la nostra Costituzione;
che iniziative urgenti intenda mettere in atto per impedire il suddetto raduno.

Elettra Deiana
Massimiliano Smeriglio
Graziella Mascia
Mercedes Frias

viterbo – http://www.tusciaweb.it


Viterbo – Forza Nuova –
In trecento per ascoltare Voigt, il leader dell’estrema destra tedesca

Omosessuali e immigrati, Fiore minaccia le barricate

1 ottobre 2006 – ore 4,30

Udo Voigt a Viterbo

– Fiore minaccia barricate contro riconoscimento delle coppie omosessuali e cittadinanza agli immigrati, in nome dell’ordine e di Dio.

Voigt lancia la battaglia della destra nazionalista europea contro comunismo e capitalismo in nome dell’identità cristiana.

Ieri sera il raduno di Forza nuova ha fatto il pieno di militanti, dai 250 ai 300 in gran parte uomini, per ascoltare i comizi del suo “capo” Roberto Fiore e del leader del partito di estrema destra tedesco Npd, Udo Voigt.

In un clima di esaltazione, al grido di “Fiore, Fiore” o di “Npd, Npd”, i giovani arrivati al “campo d’azione” della Commenda, hanno applaudito i loro leader senza mai fare un saluto fascista. E questo, come è stato spiegato dal palco, perché se Voigt partecipa ad un raduno fascista o neonazista sia pure all’estero, non appena torna in Germania lo arrestano. E allora, parola d’ordine: “Nessun saluto romano”.

Ad aprire la serata sono stati i rappresentanti dei partiti dell’estrema destra europea, non tantissimi, solo tre: Manuel Canduela presidente della spagnola Democracia national; Manuel Andrino della Falange, sempre spagnolo, e Geblescu Swen della rumena Nova Preappa.

Prima era intervenuto anche Luigi Ciavardini, condannato a 30 anni per la strage di Bologna in appello e che attende la decisione della Cassazione.

Il rumeno Geblescu ha individuato i nemici dell’estrema destra europea nel sionismo e nella massoneria e non solo.

Il timore è che si voglia “distruggere il cristianesimo”.

Canduela e Andrino hanno parlato addirittura di “patto di sangue tra italiani e spagnoli” e di riconoscenza per il “sangue dei fascisti italiani versato nella guerra civile contro i marxisti e gli anticristiani”.

Non è mancata una tirata sull’Islam che avanza e le titubanze del papa.
In pericolo sarebbe la civiltà cristiana europea. Unici difensori,
ovviamente, i “nazionalisti europei”.

E stata quindi la volta di Voigt, salito sul palco tra effetti speciali e
grida ritmate “Npd-Npd”.

“Vengo dalla Germania – ha detto parlando in un inglese con accento tedesco – che è ancora sotto il controllo e l’occupazione americana”.

Voigt non ha mancato di ricordare gli ultimi successi elettorali.
“Il 7,3 per cento è un buon risultato – ha affermato -. Il 22 per cento dei nuovi elettori ci ha votato. Ai giovani diciamo che non debbono continuare ad essere disoccupati, che devono avere un lavoro e farsi una famiglia. Ci devono appoggiare contro la società multirazziale e la globalizzazione.

I tedeschi si stanno risvegliando. Noi diciamo loro che possono ritrovare la propria identità. Il problema dell’Europa sono le masse di stranieri che la stanno invadendo. Noi dobbiamo fermarli. Noi in Germania, voi in Italia.
Contro il comunismo e il capitalismo dobbiamo costruire un futuro sociale e nazionale”. E giù applausi e grida.

E’ stata poi la volta del “capo”, come è stato presentato, Fiore.
“Noi non abbiamo scelto di puntare su qualche piccola vittoria elettorale ma di combattere una grande guerra. Lotteremo strada per strada, piazza per piazza”.

Rivendicata la bontà almeno parziale del Ventennio.
“Su due o tre grandi temi il fascismo ha rappresentato un cambiamento”, ha detto Fiore.

Si arriva alle barricate.
“Sulla cittadinanza agli immigrati e il riconoscimento della coppie
omosessuali siamo pronti a fare le barricate”.

E sulla legalità del movimento.
“Noi siamo sempre stati ligi alle leggi. Ma c’è una legge superiore,
naturale: la legge di Dio. E per questa ci batteremo”.
Non sono mancati attacchi al governo che vuole impoverire la classe media “creata dal fascismo”.

E poi giù contro i politicanti corrotti, per cui “bisogna fare una pulizia radicale”.
L’alternativa, secondo Fiore, la nuova classe politica costituita dai
militanti di Forza nuova.
Ultimi slogan: “Ordine contro il caos” e “Dio contro Satana”. Insomma una guerra santa al contrario.

Il raduno della Commenda ha come finalità quella di costituire l’European National Front. Una sorta di internazionale di estrema destra. Roba da far invidia ad un Asvero Gravelli, il teorico dell’internazionale fascista nel Ventennio.

La serata si è conclusa con un concerto.

Ultima nota: ieri sera Forza nuova non ha chiesto ai giornalisti il
pagamento di 50 euro per entrare al raduno. Come aveva fatto il giorno precedente.

viterbo – http://www.tusciaweb.it


Il raduno di Forza Nuova – Inizio flop, si prosegue in poche centinaia di simpatizzanti

(p.s)

MARTA – E’ tuttora in corso il raduno di Forza Nuova sulle rive del Lago di Bolsena. Dopo una partenza decisamente sottotono, qualche decina di persone in tutto, la richiesta alla stampa di un accredito di 50 Euro per entrare, e le magliette nere a scritte bianche, la seconda giornata ha risollevato le sorti del convegno e ha permesso ai pochissimi giornalisti presenti l’ingresso gratuito. Qualche centinaio di persone hanno assistito agli interventi di Roberto Fiore, capo carismatico del movimento, e di Udo Voigt, leader del partito di estrema destra tedesco NPD. Fiore ha incentrato il proprio discorso contro il riconoscimento delle coppie omosessuali e contro la cittadinanza agli immigrati, Voigt ha inneggiato ad una presa di posizione netta della destra europea contro il comunismo. Presenti alla convention alcuni rappresentanti dell’estrema destra europea, da registrare anche un intervento di Luigi Ciavardini, condannato a 30 anni per la strage di Bologna in appello, ora in Cassazione. Dalla serata e dagli interventi è emersa chiara la volontà dell’ estrema destra di costituire un movimento internazionale.

Roberto Fiore (Roma, 15 aprile 1959) è il segretario nazionale del movimento politico Forza Nuova, del quale insieme a Massimo Morsello è stato il fondatore. Seguace di Julius Evola. È stato tra i fondatori del movimento politico Terza Posizione, poi sciolto perché accusato di essere di ispirazione neofascista. Sospettato di implicazione nella strage alla Stazione di Bologna e nel terrorismo di estrema destra degli anni settanta, fuggì in Inghilterra e con Massimo Morsello creò a Londra un’organizzazione di nome Easy London che prevede l’inserimento di giovani italiani nella realtà inglese; di questa associazione fanno parte sezioni dedicate al trova lavoro in Inghilterra e Irlanda e catene di negozi di vestiti rigorosamente made in Italy. Questa organizzazione però nell’estate 2005 è indagata per aver maltrattato, violentato e incatenato dei ragazzi italiani in un proprio campus, gestito da Fiore e da alcuni deputati di Alleanza Nazionale.
Alle elezioni europee del 2004 è stato candidato con Alternativa Sociale, il cartello elettorale del quale Forza Nuova è entrato a far parte insieme al Fronte Sociale Nazionale e ad Azione Sociale, movimento costituito da Alessandra Mussolini.
In vista delle elezioni politiche del 2006, quando Alternativa Sociale appoggia la coalizione di centrodestra, la Casa delle Libertà, Fiore non si candida in quanto sorgono delle polemiche e viene considerato tra le cosiddette candidature “impresentabili”, insieme ad Adriano Tilgher.
(tratto da Wikipedia)

Udo Voigt – Nato nel 1952, politologo.
Il tecnico aeronautico Udo Voigt è stato dal 1972 al 1984 militare di professione, carriera che ha lasciato col grado di capitano. Infine, ha studiato scienze politiche a Monaco di Baviera.
Udo Voigt è il massimo responsabile, per ogni settore dell’NPD. è un autorevole conoscitore dei rapporti politici. capacità di entusiasmare, fermezza, consapevolezza del proprio ruolo e abnegazione sono i suoi punti di forza.

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo