antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.11.13
Brescia. Strage: sâ??è spento lâ??ultimo indagato
·
La pista veronese Lâ??uomo, di cui non è mai stata resa nota lâ??identità, era al centro del misterioso «fascicolo 69/60»

Nessuna proroga alla Procura dei minori: nuova archiviazione in arrivo


Il suo nome non è mai stato reso noto. Di lui si sapeva solo che nel 1974 era un punto di riferimento per i ragazzini veronesi che gravitavano attorno a Ordine Nuovo. E che la sua identità era scritta nero su bianco sulla copertina del fascicolo 69/60 aperto dal sostituto procuratore Francesco Piantoni nel 2011 sulla strage di piazza della Loggia. Unâ??inchiesta parallela - a quella che il 14 aprile scorso ha portato allâ??assoluzione in appello di Maurizio Tramonte, Delfo Zorzi, Francesco Delfino e Carlo Maria Maggi - che seguiva la così detta «pista veronese».

Era lui, uno degli ultimi spiragli per arrivare alla verità sullâ??attentato che costò la vita a otto persone e ne ferì altre cento. Era. Perché questo sconosciuto indagato non è più in vita. Quindi, nemmeno il fascicolo che portava il suo nome. Ma non è detta lâ??ultima parola. Sul tavolo della procura ne resterebbe aperto comunque uno a carico di ignoti. Perché il «vulnus», quello non è morto di certo.
A innescare la nuova inchiesta era stato Giampaolo Stimamiglio, superteste sessantenne di casa in una piccola località del Veneto che negli anni Settanta era legato sia a Ordine Nuovo che allâ??organizzazione clandestina Nuclei di difesa dello Stato. Già sentito nel processo di primo grado sulla strage davanti alla corte dâ??assise di Brescia, in aula non aveva dato adito a clamorosi colpi di scena. Fino a quando, nel 2011, non decise di bussare alla porta dei giudici per «togliersi un peso», disse, che non gli permetteva di «vivere in pace» con se stesso.


Proprio al pm Francesco Piantoni indicò la fatidica «pista veronese», al punto che dopo le sue rivelazioni sul registro degli indagati finirono due persone. Un adulto veronese, ormai deceduto, appunto, e un minore: Marco Toffaloni, che allâ??epoca della strage di anni ne aveva quasi 17. Proprio lui, ragazzino, avrebbe confidato a Stimamiglio di aver giocato un ruolo «non marginale» nella strage del 28 maggio 1974. Da lì lo stralcio della sua posizione alla procura dei minori e lâ??iscrizione nel registro degli indagati il 27 aprile di due anni fa. Ma anche in questo caso lâ??ennesima inchiesta sulla strage «impunita» pare avviarsi allâ??archiviazione. Già, perché il gip del tribunale dei minori ha rigettato la richiesta di proroga (la seconda) avanzata dal procuratore della Repubblica Emma Avezzù. Che per ben due volte aveva convocato Toffaloni per interrogarlo. Ma non si è mai presentato.
Alla base dellâ??istanza per una nuova proroga delle indagini il decreto del 1998, convertito e reiterato nel 2000, che per il delitto di strage dispone di prolungare lâ??inchiesta se collegata a un procedimento pendente. Il capo dâ??imputazione câ??era. Questione di interpretazione, sulla «non soluzione di continuità» dei procedimenti. Uno legato allâ??altro.


Lo stralcio del filone veronese, alla procura dei minori (allâ??epoca in via Malta) era arrivato in effetti nel 2010, quando ancora si aspettava la sentenza di primo grado in corte dâ??assise. E il problema è che, a questo punto, i termini per un rinvio a giudizio sono scaduti. Unica alternativa, lâ??archiviazione. Parola che, al di là dei tecnicismi giuridici o dei verdetti emessi più o meno in punta di diritto, getta unâ??ombra di amarezza su una pagina drammatica di storia per chi in questa città ci vive e attende risposte da quarantâ??anni, chi in piazza câ??era. Chi ancora piange una persona cara straziata dalla bomba.
Lâ??ultima parola non è ancora detta. Il prossimo 20 febbraio è in calendario lâ??ultima tappa dellâ??iter processuale dellâ??attentato bresciano. Davanti ai giudici della quinta sezione della Cassazione sarà discusso il ricorso (depositato il 12 ottobre) contro la sentenza dâ??appello che il 14 aprile 2012 ha confermato lâ??assoluzione in primo grado (articolo 530, secondo comma) di tutti gli imputati: ne chiedono uno nuovo i pm Roberto di Martino e Francesco Piantoni per Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi e Maurizio Tramonte, tre dei quattro imputati assolti in secondo grado. Le parti civili, invece, chiedono un nuovo processo solo per Carlo Maria Maggi (due anche per Delfino), affinché altri giudici valutino se esistono «prove sufficienti per condannare i vertici di Ordine Nuovo». Sfuma, intanto, la pista veronese.


http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/13_novembre_23/strage-piazza-loggia-spento-l-ultimo-indagato-petenzi-rodella-639631a6-5427-11e3-b3cc-01de6c91b992.shtml

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo