antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.11.13
Brescia. Strage: sâ??è spento lâ??ultimo indagato
·
La pista veronese Lâ??uomo, di cui non è mai stata resa nota lâ??identità, era al centro del misterioso «fascicolo 69/60»

Nessuna proroga alla Procura dei minori: nuova archiviazione in arrivo


Il suo nome non è mai stato reso noto. Di lui si sapeva solo che nel 1974 era un punto di riferimento per i ragazzini veronesi che gravitavano attorno a Ordine Nuovo. E che la sua identità era scritta nero su bianco sulla copertina del fascicolo 69/60 aperto dal sostituto procuratore Francesco Piantoni nel 2011 sulla strage di piazza della Loggia. Unâ??inchiesta parallela - a quella che il 14 aprile scorso ha portato allâ??assoluzione in appello di Maurizio Tramonte, Delfo Zorzi, Francesco Delfino e Carlo Maria Maggi - che seguiva la così detta «pista veronese».

Era lui, uno degli ultimi spiragli per arrivare alla verità sullâ??attentato che costò la vita a otto persone e ne ferì altre cento. Era. Perché questo sconosciuto indagato non è più in vita. Quindi, nemmeno il fascicolo che portava il suo nome. Ma non è detta lâ??ultima parola. Sul tavolo della procura ne resterebbe aperto comunque uno a carico di ignoti. Perché il «vulnus», quello non è morto di certo.
A innescare la nuova inchiesta era stato Giampaolo Stimamiglio, superteste sessantenne di casa in una piccola località del Veneto che negli anni Settanta era legato sia a Ordine Nuovo che allâ??organizzazione clandestina Nuclei di difesa dello Stato. Già sentito nel processo di primo grado sulla strage davanti alla corte dâ??assise di Brescia, in aula non aveva dato adito a clamorosi colpi di scena. Fino a quando, nel 2011, non decise di bussare alla porta dei giudici per «togliersi un peso», disse, che non gli permetteva di «vivere in pace» con se stesso.


Proprio al pm Francesco Piantoni indicò la fatidica «pista veronese», al punto che dopo le sue rivelazioni sul registro degli indagati finirono due persone. Un adulto veronese, ormai deceduto, appunto, e un minore: Marco Toffaloni, che allâ??epoca della strage di anni ne aveva quasi 17. Proprio lui, ragazzino, avrebbe confidato a Stimamiglio di aver giocato un ruolo «non marginale» nella strage del 28 maggio 1974. Da lì lo stralcio della sua posizione alla procura dei minori e lâ??iscrizione nel registro degli indagati il 27 aprile di due anni fa. Ma anche in questo caso lâ??ennesima inchiesta sulla strage «impunita» pare avviarsi allâ??archiviazione. Già, perché il gip del tribunale dei minori ha rigettato la richiesta di proroga (la seconda) avanzata dal procuratore della Repubblica Emma Avezzù. Che per ben due volte aveva convocato Toffaloni per interrogarlo. Ma non si è mai presentato.
Alla base dellâ??istanza per una nuova proroga delle indagini il decreto del 1998, convertito e reiterato nel 2000, che per il delitto di strage dispone di prolungare lâ??inchiesta se collegata a un procedimento pendente. Il capo dâ??imputazione câ??era. Questione di interpretazione, sulla «non soluzione di continuità» dei procedimenti. Uno legato allâ??altro.


Lo stralcio del filone veronese, alla procura dei minori (allâ??epoca in via Malta) era arrivato in effetti nel 2010, quando ancora si aspettava la sentenza di primo grado in corte dâ??assise. E il problema è che, a questo punto, i termini per un rinvio a giudizio sono scaduti. Unica alternativa, lâ??archiviazione. Parola che, al di là dei tecnicismi giuridici o dei verdetti emessi più o meno in punta di diritto, getta unâ??ombra di amarezza su una pagina drammatica di storia per chi in questa città ci vive e attende risposte da quarantâ??anni, chi in piazza câ??era. Chi ancora piange una persona cara straziata dalla bomba.
Lâ??ultima parola non è ancora detta. Il prossimo 20 febbraio è in calendario lâ??ultima tappa dellâ??iter processuale dellâ??attentato bresciano. Davanti ai giudici della quinta sezione della Cassazione sarà discusso il ricorso (depositato il 12 ottobre) contro la sentenza dâ??appello che il 14 aprile 2012 ha confermato lâ??assoluzione in primo grado (articolo 530, secondo comma) di tutti gli imputati: ne chiedono uno nuovo i pm Roberto di Martino e Francesco Piantoni per Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi e Maurizio Tramonte, tre dei quattro imputati assolti in secondo grado. Le parti civili, invece, chiedono un nuovo processo solo per Carlo Maria Maggi (due anche per Delfino), affinché altri giudici valutino se esistono «prove sufficienti per condannare i vertici di Ordine Nuovo». Sfuma, intanto, la pista veronese.


http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/13_novembre_23/strage-piazza-loggia-spento-l-ultimo-indagato-petenzi-rodella-639631a6-5427-11e3-b3cc-01de6c91b992.shtml

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo