antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 7.02.08
Milano: "Sei gay", botte e insulti all'oratorio. Fermati due ragazzi di 15 e 17 anni
·

Fonte Il Corriere della Sera da gaynews

MILANO. «SEI GAY». INSULTI E BOTTE ALL’ORATORIO

Il blitz I teppisti bloccati dalla polizia poco prima dell’ennesima aggressione nella parrocchia di via Cagliero
venerdì 08 febbraio 2008 , di il Corriere della Sera

Un ragazzo e il suo amico perseguitati da una baby gang: uno era finito in ospedale

Ad ottobre i giovani erano stati presi di mira anche da un immigrato brasiliano, che li aveva picchiati e rapinati

Frequentavano l’oratorio da tempo. Convinti che, tra le mura della parrocchia, sarebbero stati al sicuro, protetti. Invece no. Erano continuamente insultati e picchiati. Per i bulli di turno, due ragazzini di 15 e 17 anni, quei due amici più grandi di loro erano da sfottere. Sempre.

Vittorino e Carlo (i nomi sono di fantasia), rispettivamente di 21 e 22 anni, così introversi, timidi ed emotivamente fragili, erano il bersaglio preferito. Il primo etichettato in senso dispregiativo dai suoi aggressori come «omosessuale ». Mentre il secondo, operaio, affetto da balbuzie, veniva chiamato «tartaglione».

Almeno otto le aggressioni subite in un paio di mesi. Vittorino, poi, ha anche dovuto ricorrere alle cure mediche in due circostanze. Adesso, però, gli epiteti e gli schiaffi, per Vittorino e Carlo sono finiti: dopo le loro rivelazioni ai genitori, sono scattate le indagini e la polizia ha denunciato i bulli che capitanavano una banda di coetanei nota tra i ragazzi dell’oratorio per le continue sopraffazioni.

Gli episodi di teppismo contro i due giovani in difficoltà sono avvenuti all’interno dell’oratorio Padri Sacramentini (Orpas) della parrocchia di Sant’Angela Merici, in via Cagliero 26.

Il blitz della polizia è scattato l’altro giorno, quando i due giovani sono stati, per l’ennesima volta, circondati dal gruppetto di ragazzini, capitanati dal quindicenne e dal diciassettenne. Appena sono cominciati gli insulti e le percosse, gli agenti del commissariato Greco-Turro sono intervenuti.

I due minorenni sono entrambi amici di scuola: il quindicenne ha ripetuto quattro volte e vive una situazione di disagio familiare, con i genitori separati. Il 28 novembre scorso e il 25 gennaio avevano esagerato con i calci e i pugni, mandando in ospedale Vittorino. Il giovane era stato dimesso con una prognosi di sette e dieci giorni.

Vittorino e Carlo, tra l’altro, lo scorso ottobre erano stati aggrediti e rapinati da un brasiliano di 20 anni che, forte della sua prestanza fisica, non ci aveva messo tanto ad avere la meglio. Dopo la rapina, però, allo straniero era stato ingiunto a non frequentare l’oratorio.

Botte e insulti di cui i sacerdoti erano a conoscenza. Così come conoscevano i bulli e le vittime. Ma non sono mai intervenuti, considerando gli episodi delle ragazzate. E comunque vicende casuali e sporadiche non destinate a ripetersi.

Adesso i due bulletti sono stati indagati per violenze e minacce al tribunale per i minorenni. Anche per loro è scattata la richiesta a frequentare più l’oratorio.

Campo

I due ragazzi, di 21 e 22 anni, hanno subito almeno otto aggressioni in un paio di mesi. In due occasioni il più giovane ha dovuto ricorrere alle cure mediche

Michele Focarete

Le reazioni I frequentatori negano di aver mai saputo nulla dei pestaggi

«Non potete trattarci tutti come bulli»

«Gente picchiata qui? Non ne sappiamo niente». C’è una denuncia, ci sono due loro compagni maltrattati e offesi per settimane, una delle vittime è qui anche oggi, e si guarda intorno con l’espressione spaesata. Ma un paio di ragazzotti dell’oratorio giocano a fare i duri. Scuotono la testa: «Può essere, ma non ne abbiamo idea». Invece tutti sanno, e probabilmente sapevano (e tolleravano) anche prima che questa brutta storia arrivasse in mano alla polizia. Provano ad attaccare: «Non ci potete catalogare tutti come bulli». E però sono loro che si avvicinano agli altri, i più piccoli, e con la sola presenza impongono il silenzio.

Parrocchia Sant’Angela Merici, via Cagliero, zona piazza Carbonari, ragazzi che giocano a calcio in un pomeriggio di sole. È un oratorio come gli altri, in un quartiere tra il popolare e il piccolo borghese. Non è una zona di frontiera, non è un posto difficile. Eppure, proprio qui, quei due giovani hanno vissuto pomeriggi di frustrazione e di umiliazione. È il segno che il male naturale degli adolescenti, questa necessità inconscia di sfogarsi con la violenza per divertimento, può manifestarsi ovunque. E in ogni tempo: «Tanti anni fa era la stessa cosa — dice un volontario anziano che lavora in parrocchia — tra ragazzi è sempre andata così, si prende di mira il più timido, il più basso, il più grasso». C’è una parte di verità, in queste parole. In ogni gruppo, il debole ha sempre avuto vita difficile. E c’è però anche trascuratezza, scarsa attenzione, quando un altro degli adulti che lavora in parrocchia sospira e dice: «Ma qui è un luogo aperto, è difficile controllare tutti». Vero. Come è vero però che questi ragazzi riuniti dopo che il bubbone è scoppiato si preoccupano solo dell’immagine. È successo qualcosa o no? «Può essere». Due di voi sono stati vessati per settimane? «Qua non siamo tutti bulli». Nessun «dispiacere», neanche generico. Resta quell’accusa con cui veniva tormentata una delle vittime: gay. Scelta così, a caso, come fosse un’offesa. «Quello che sconcerta — spiegano Aurelio Mancuso, presidente nazionale Arcigay, e Paolo Ferigo, vicepresidente Comitato arcigay Milano — è la presenza costante di insulti e provocazioni contro ragazzi “accusati” di essere omosessuali».

Padre Guglielmo, responsabile dell’oratorio e del centro di aggregazione «Orpas» di via Cagliero, nel pomeriggio non è in parrocchia, ma ha scritto una lettera al questore Vincenzo Indolfi: «Desidero esprimere il mio ringraziamento per la collaborazione e l’intervento degli agenti del commissariato Greco-Turro». Congratulazioni. E qualcosa di più. L’indicazione di una necessità, quella di una collaborazione continua «per far sì che l’oratorio rimanga un luogo di crescita per tutti i ragazzi». Anna Maria Dominici, direttore dell’ufficio scolastico regionale, spiega che gli episodi di bullismo «sono una vera e propria emergenza educativa», un «fenomeno complesso, non sempre facilmente rilevabile da parte dei docenti, che richiede un impegno sistematico da parte della scuola, della famiglia e dell’intera società».

La società sono anche questi ragazzi che giocano a calcio in via Cagliero, le mamme con i passeggini che chiacchierano là intorno, e il gruppetto degli adolescenti con occhiali scuri, piumini, scooter. Loro che sanno dire soltanto mezze parole: «Non sappiamo», «forse», «potrebbe essere».

Le violenze

L’oratorio di via Cagliero «teatro» nel corso degli ultimi mesi dell’escalation di violenze. Gli episodi di bullismo portano la firma di due ragazzini, uno di 15 e l’altro di 17 anni Gianni Santucci


Da Il Giornale

venerdì 08 febbraio 2008, 07:00

Bullismo all’oratorio «Sei omosessuale»
Punito con botte e insulti
di Redazione

Insultavano e malmenavano pesantemente due ragazzi un po’ fragili all’interno dell’oratorio Padri Sacramentini (Orpas) della parrocchia di Sant’Angela Merici di via Cagliero, a Greco-Turro. Per questo gli investigatori del commissariato di zona hanno denunciato un 15enne e un 17enne che capitanavano una banda di coetanei nota tra i ragazzi che frequentano l’oratorio per i continui atti di sopraffazione e bullismo.
Le vittime sono due amici di 22 e 21 anni, entrambi descritti dai poliziotti come «introversi, timidi ed emotivamente molto fragili»: il primo, operaio, è affetto da balbuzie, mentre il secondo è etichettato in senso dispregiativo dai suoi aggressori come «omosessuale».
Le aggressioni nei loro confronti sono continue, i due bulli si accaniscono soprattutto sul 21enne che il 28 novembre e il 25 gennaio scorsi si fa visitare in ospedale dove i medici lo dimettono con una prognosi di sette giorni nel primo caso e di dieci nel secondo.
Dopo almeno otto aggressioni in un paio di mesi, sostenuti dai loro genitori, i due ragazzi decidono di denunciare i loro aguzzini al commissariato che ha organizzato un appostamento. Così quando i due giovani vengono circondati dal gruppetto e i bulli si fanno avanti per l’ennesima aggressione, il 21enne invia un sms agli agenti appostati nei pressi. I poliziotti entrano nell’oratorio e fermano i due minorenni, entrambi studenti di istituti della zona. I ragazzi vengono denunciati per violenza e minacce al Tribunale per i minorenni, a cui è stato richiesta anche la diffida a frequentare l’oratorio.
I sacerdoti dell’oratorio erano a conoscenza delle prepotenze messe in atto dai due minorenni, ma hanno sempre ritenuto che si trattasse di episodi casuali e saltuari non destinati a ripetersi. In ottobre il 21enne e il 22enne erano state vittime di un brasiliano di 20 anni che, forte della sua prestanza fisica, li aveva in più occasioni picchiati e derubati, prima di essere arrestato dalla polizia.
L’episodio spiega in una nota diffusa ieri dall’Arcigay, conferma che «sono urgenti politiche di intervento sociale e culturale per combattere ogni forma di violenza nei confronti di ragazzi perpetrata da altri ragazzi. Quello che sconcerta, oltre il ripetersi degli episodi in tutta Italia, è la presenza costante di insulti e di provocazioni contro ragazzi accusati di essere omosessuali».
Secondo l’Arcigay questo avviene perché «il clima d’odio, alimentato dalle gerarchie cattoliche e dalle destre italiane, favorisce l’emulazione di atteggiamenti razzisti e omofobi».
«Non stupisce infine l’atteggiamento dei preti dell’oratorio che, come accade agli insegnanti delle scuole medie e superiori, non danno il giusto peso a questi atti violenti valutandoli come semplici bravate. Bisognerebbe strutturare in tutte le scuole del paese corsi di formazione sul bullismo e di educazione alle differenze – concludono – Questo sarebbe utile alla Chiesa italiana, che potrebbe usare una piccola parte dell’ingente introito, derivante dall’8 per mille incassato grazie ad un meccanismo truffaldino, per istruire meglio i suoi sacerdoti a contatto con le giovani generazioni».

azioni_fasciste
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo