antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.12.17
Strage di piazza della Loggia, il condannato Tramonte è stato estradato in Italia
·
Condannato all’ergastolo, è giunto da Lisbona con un volo Tap atterrato a Fiumicino alle 13,30. Nel pomeriggio sarà trasportato nel carcere di Rebibbia

19/12/2017

Si chiude definitivamente oggi la lunga e intricata vicenda giudiziaria di Piazza della Loggia a Brescia. Maurizio Tramonte, condannato lo scorso 20 giugno all’ergastolo come responsabile della strage che il 28 maggio 1974 causò con l’esplosione di una bomba otto vittime e centinaia di feriti, è arrivato all’aeroporto di Fiumicino con un volo di linea della compagnia portoghese Tap partito da Lisbona e atterrato alle 13.30. Era scortato dagli agenti dello Scip, il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Oggi pomeriggio farà il suo ingresso nella casa circondariale romana di Rebibbia, da dove non uscirà mai più.

L’ex fonte “Tritone” fu fermato il 21 giugno scorso a Fatima in Portogallo, grazie al grande lavoro di intelligence dei Ros di Brescia. L’uomo infatti da una settimana aveva abbandonato l’Italia e a bordo dell’automobile intestata alla moglie stava cercando inutilmente di far perdere le proprie tracce. Tramonte, fermato da latitante a pochi passi dal santuario di Nossa Senhora di Fatima, tempio del culto cattolico, non oppose alcuna resistenza al momento della cattura, continuando però a ribadire la sua totale innocenza nella vicenda.

Catturato dalla polizia portoghese con un mandato europeo, ha trascorso gli ultimi mesi nella cella di un penitenziario di Lisbona. Sessantacinque anni e originario di Lozzo Atesino nel Padovano, in gioventù fu per diversi anni attivista del Msi. In seguito, venne reclutato dal centro servizi segreti di Padova e “Fonte Tritone”, diventò il suo nome in codice. Tuttavia, ha sempre fatto il doppio gioco, confidente dello Stato e poi presente alle riunioni dei neofascisti di Ordine Nuovo, compresa quella dove fu decisa la strage terroristica per punire gli avversari politici.

Tramonte, entrato nell’inchiesta giudiziaria nei primi anni Novanta, negli ultimi tempi ha condotto un’esistenza tutto sommato normale, lavorando a lungo nel settore immobiliare bresciano, sposandosi e ribadendo sempre la propria estraneità nella vicenda giudiziaria, nonostante fosse stata confermata la sua presenza in piazza il giorno dell’attentato. Certo della condanna a vita imminente, già ad aprile aveva manifestato piani di fuga prendendo parte a un viaggio in Francia insieme a dei pellegrini diretti a Lourdes, tuttavia Tramonte anziché tornare a Brescia insieme ai compagni di ventura, al ritorno si era fermato alcuni giorni a Montpellier, città nella quale vive da rifugiato politico il fratello.

Insieme a lui la Corte di Cassazione ha condannato al carcere a vita anche Carlo Maria Maggi, medico veneziano ed ex ispettore dell’organizzazione neofascista Ordine Nuovo. Tuttavia, Maggi a causa delle gravi condizioni di salute sta scontando la propria pena ai domiciliari.

http://www.lastampa.it/2017/12/19/italia/cronache/strage-di-piazza-della-loggia-oggi-il-condannato-tramonte-sar-estradato-in-italia-uhxyKaQgc0nkhDR3RyIEuJ/pagina.html

repressione_F
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo