antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.04.13
Varese, nel â??covoâ?? dei neo nazi. Dove â??la persecuzione degli ebrei è stata giustaâ?
·
Intervista al presidente della Comunità militante dei Dodici Raggi, che 'pesca' i suoi adepti tra i delusi dei partiti e allo stadio, tra i tifosi del Varese calcio. "Siamo schierati con la destra radicale, quella scomparsa. Ma oggi la politica è nemica del nostro popolo. Molti seguono lâ??esempio di Hitler, altri di Mussolini, altri ancora di Franco".

di Alessandro Madron
26 aprile 2013

Allâ??interno della sede della Comunità militante dei dodici raggi le telecamere non entrano. Eâ?? stata ricavata un anno fa in un vecchio magazzino di Caidate, una frazione di Sumirago (Varese) e non le manca nulla. Il bar, lâ??angolo per la pratica delle arti marziali, i tavoli e persino una piccola biblioteca. Eâ?? qui che si riuniscono i membri del Do.Ra., lâ??associazione vicina al movimento skinhead che sabato scorso ha organizzato il mega raduno che ha richiamato in provincia di Varese oltre quattrocento teste rasate da tutta Europa. Do.ra oggi conta 170 frequentatori occasionali e una sessantina tra soci fondatori e soci attivi. Il presidente si chiama Alessandro Limido, 33 anni, orgogliosamente nazionalsocialista e una condanna in primo grado per associazione a delinquere finalizzata alla discriminazione razziale, etnica e religiosa. Lo abbiamo incontrato alla vigilia dellâ??anniversario della Liberazione. â??Di solito non parliamo con i giornalisti e i poliziotti per evitare strumentalizzazioni, ma sullâ??evento del 20 aprile sono state dette molte cose falseâ?.

E cosa è stato detto di falso?
Prima cosa non abbiamo celebrato il compleanno di Adolf Hitler, se lo avessimo fatto non avremmo problemi ad ammetterlo. Inoltre la nostra realtà è stata accostata alla vicenda che in questi giorni vede a processo una serie di persone che hanno celebrato il compleanno del Fuhrer nel 2007. Non abbiamo niente da spartire con Graziani, Lattuada e Ordine Nuovo. Non abbiamo mai fatto politica in 20 anni, gli ideali sono unâ??altra cosa. Nessuno dei nostri militanti è coinvolto in quegli avvenimenti.

Detto questo, la coincidenza con la data del 20 aprile è davvero casuale?
No. Per noi la data è importante e abbiamo scelto di festeggiare il nostro anniversario in quella data proprio perché è significativa, ma dire che abbiamo festeggiato il compleanno di Hitler è come dire che Ceausescu è stato giustiziato il 25 dicembre per celebrare il Natale.

Quando è scoppiata la polemica in molti si sono chiesti come sia possibile che nessuno vi abbia impedito di agire�
Avevamo tutti i permessi necessari. Abbiamo fatto un regolare contratto con chi ci ha concesso lo spazio. Abbiamo pagato la Siae, ci siamo allacciati allâ??Enel, abbiamo comunicato lâ??evento in questura che ci ha autorizzati, così come è stata avvertita la polizia locale del comune di Malnate.

Insomma, tutto regolare.
Certo, il nostro obiettivo era fare lâ??evento e lo abbiamo fatto secondo le regole. Se lâ??Anpi lo ha segnalato e la questura non se ne è occupata per tempo, vuol dire che non è stato ritenuto pericoloso. La Digos è stata presente tutta la sera e nessuno di noi è stato segnalato per qualche reato.

Chi ha partecipato alla festa?
Câ??erano presenze di tutta Europa. Abbiamo una fratellanza con i ragazzi di Budapest, inoltre siamo molto legati alla comunità sarda, câ??erano i ragazzi di Cagliari, câ??erano persone dalla Francia e dalla Germania, ma anche da altri paesi.

Il concerto che avete organizzato, a cui hanno preso parte gruppi neo-nazi, in molte parti dâ??Europa non sarebbe stato tolleratoâ?¦
A tanti di noi il rifiuto tocca poco, riteniamo di essere nel giusto e continuiamo sulla nostra strada. Ci siamo da 20 anni, siamo tra i primi in Italia a portare la sottocultura skinhead. Diciamo che tiriamo dritti per la nostra strada, le conseguenze le paghiamo e le scontiamo fino in fondo. Quando si solleva polverone, quando ci sono perquisizioni o altri episodi, perdiamo molti militanti, ma chi crede veramente nellâ??idea non si lascia certo intimorire da queste cose.

Se mi fossi presentato da privato cittadino mi avreste fatto entrare al concerto?
I concerti di solito sono chiusi, tipo feste private, per evitare strumentalizzazioni. Si entra solo per conoscenza diretta di qualche membro del movimento. Quindi credo che no, non saresti potuto entrare. Câ??è sempre il rischio che arrivi il teppista senza testa, il ragazzino stupido che entra col braccio teso urlando frasi senza senso.

Vale a dire?
A noi dà fastidio la mercificazione degli ideali, non siamo di quelli che vanno a Predappio o a Mezzegra con la camicia nera. Un ideale è una cosa importante e per farsene carico ci vuole consapevolezza. Bisogna saper reggere il peso del pensiero delle persone, per diventare militanti di Varese Skinhead ci sono tempi di osservazione molto lunghi.

Chi sono le nuove leve?
I ragazzi nuovi arrivano di solito dai partiti, gente che ha in mente unâ??idea di attivismo e che magari si è stancata degli schemi dei partiti. Poi uno dei quattro pilastri della nostra comunità militante è lo stadio, il nostro vicepresidente è uno dei responsabili del Sette Laghi, un gruppo di tifoseria del Varese.

Perché a Varese siete riusciti a creare una comunità così radicata?
Molto probabilmente la città ha una sua identità molto marcata, una sorta di anima destrorsa. Molto probabilmente qui è più facile qui che altrove avvicinarsi ad un discorso radicale. Così siamo riusciti a diventare una delle piazze più importanti, la più grande tra le piccole realtà italiane.

Voi votate?
No, non votiamo. Sia come movimento che come associazione. Credo che la politica attualmente sia nemica del nostro popolo.

In cosa credete?
Noi siamo schierati con la destra radicale, non quella di oggi, ma quella scomparsa. Molti seguono lâ??esempio di Hitler, altri di Mussolini, altri ancora di Franco. Lâ??ideologia politica è quella, ma a chi dice che in occasione della festa abbiamo fatto apologia si sbaglia di grosso. Non câ??erano svastiche o saluti romani, non perché non ci piacciano, ma perché in quellâ??occasione non câ??entravano nulla.

Il 25 aprile si festeggia la Liberazione, in Italia segna la fine dellâ??esperienza nazi-fascista che ha scritto la pagina più drammatica della storia del secolo scorso. Come vi rapportate con quellâ??esperienza?
Rifiutiamo il concetto di genocidio. Secondo noi non câ??è stato lo sterminio sistematico. Gli ebrei sono stati perseguitati perché nemici della Germania e dellâ??Italia e lo ritengo giusto.

Una posizione opinabile e smentita dalla storia.
Da che mondo è mondo, la guerra è una cosa terrificante e si muore in tutti i modi, anche i più orribili.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/26/varese-nel-covo-dei-neo-nazi-dove-percuzione-degli-ebrei-e-stata-giusta/575941/

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo